Nino Di Giacomo è il nuovo Presidente di Fipav Sicilia | FOTO :ilSicilia.it

l'annuncio

Nino Di Giacomo è il nuovo Presidente di Fipav Sicilia | FOTO

di
1 Marzo 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Sarà Nino Di Giacomo il nuovo Presidente del Comitato Regionale Sicilia della Federazione Italiana Pallavolo per il quadriennio 2021-2024. Raggiante, soddisfatto e trepidante per l’inizio di questa nuova avventura: cosi è apparso il neo Presidente al termine dell’Assemblea Ordinaria che si è tenuta ieri a Palermo e che ha decretato la sua vittoria, ottenuta con il 53% dei voti totali.

Una giornata lunga e piena di emozioni che, alla fine, ha regalato questo risultato importante a Nino Di Giacomo, per la prima volta chiamato a coprire un incarico politico federale e premiato per una campagna elettorale ricca di contenuti tanto innovativi quanto concreti a sostegno di tutto il territorio e dei suoi tesserati, per una ripartenza immediata dell’intero network regionale.

Ci credevamo fortemente ed adesso non vediamo l’ora di metterci da subito al lavoro per far ripartire il nostro movimento, da molto tempo fermo su logiche e meccanismi troppo “politicizzati” ed anacronistici – queste le prime parole del Presidente Nino Di Giacomo – Durante la nostra maratona elettorale abbiamo costruito un programma collettivo basandoci sugli stimoli e sulle necessità di tutti i nostri tesserati, realizzando un manifesto altamente innovativo e lungimirante ma, soprattutto, assolutamente sostenibile ed imperniato su contenuti di grande valore”.

Oggi siamo al giorno zero e mi piace pensare che abbiamo davanti a noi 1460 giorni: esattamente i giorni del prossimo quadriennio olimpico. Non dobbiamo e non possiamo sprecare neanche un giorno di quelli che abbiamo a disposizione per concretizzare tutto quello che abbiamo già messo nero su bianco nel nostro programma, perchè la nostra Sicilia deve immediatamente cambiare passo, cosi come noi abbiamo dimostrato di volere e poter fare durante questi mesi, dando già prova di idee ed attività innovative, una su tutte il Salotto del Volley. Vogliamo riportare, dunque, le società, al centro del Comitato, dialogando con tutti gli attori, dagli atleti ai tecnici, dai dirigenti agli arbitri, per riportare entusiasmo e passione all’interno del nostro movimento“, continua Di Giacomo.

Dobbiamo ripartire subito dai nostri piccoli ed giovani: vogliamo riportarli ad innamorarsi della pallavolo e questo lo possiamo fare solo attraverso nuove logiche sportive ed istituzionali, puntando quindi sulla riprogrammazione delle attività e sulla formazione continua e costante delle nostre figure chiave, e puntando sulla costruzione di sinergie e reti tra società e territorio, tra pallavolo ed istituzioni. Adattiamoci alle nuove esigenze ed ai cambiamenti: iniziamo a parlare di digitalizzazione e del brand Fipav Sicilia, parliamo di grandi eventi e di pallavolo giocata tutto l’anno ed a tutti i livelli grazie allo snow, al beach ed al sitting volley. Lavoriamo sin da subito, dunque, per costruire un percorso virtuoso per rilanciare l’economia sportiva regionale e portare un benefico concreto a tutto il nostro movimento“.

Ieri, però, non è stata solo la vittoria del singolo quanto, piuttosto, una vittoria di squadra. Oltre all’elezione di Nino Di Giacomo in qualità di Presidente, infatti, tutto il team di candidati al consiglio regionale al suo fianco ha riscosso un enorme successo alle urne e, dunque, ottenendo l’incarico ufficiale per il prossimo quadriennio.

Abbiamo fatto en plein – cosi prosegue un soddisfatto Di Giacomo – abbiamo portato al consiglio tutta la mia squadra e non posso che essere orgoglioso dei candidati al mio fianco: Antonio Locandro, Antonio D’Anna, Speranza Maiello, Elio Gravagno, Rossana Giacalone Caleca, Massimo Dibenedetto ed il revisore dei conti Alfonso Morreale. Abbiamo fatto rete, costruito le giuste sinergie e messo in piedi una squadra assolutamente competente, dotata di valori e caratteristiche importanti che daranno un contributo eccezionale al Comitato Regionale. Mi complimento con loro per il lavoro che hanno condotto durante questi mesi e gli indirizzo un grosso in bocca al lupo per questi quattro anni da vivere insieme, con la stessa passione, grinta e determinazione con la quale si sono avvicinati a queste elezioni. Un grazie enorme, infine, a tutti coloro che mi hanno affiancato e sostenuto dal primo giorno fino a questo bellissimo risultato. Da oggi si comincia a fare sul serio: la nostra terra ha le potenzialità per competere con le migliori Regioni d’Italia e, tutti insieme, dobbiamo riprendere a fare volare in alto la nostra Sicilia. Lasciatemi concludere, infine, con un pensiero di buon lavoro a Giuseppe Manfredi che dalla prossima settimana guiderà la Fipav Nazionale e, sono sicuro, che lo farà nel modo migliore possibile per il bene della Pallavolo Italiana“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin