Nino Di Matteo: "La guerra non è finita. Tornerò a Palermo per occuparmi delle stragi" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

intervistato ieri ad "Atlantide" su LA7

Nino Di Matteo: “La guerra non è finita. Tornerò a Palermo per occuparmi delle stragi” | VIDEO

di
19 Novembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Non appena terminerò il mio incarico al Csm tornerò a Palermo per occuparmi di mafia, occupandomi delle stragi“. Lo ha dichiarato il magistrato Nino Di Matteo durante la lunga intervista trasmessa nel corso dello speciale di Atlantide su La7 dedicato alla stagione delle stragi mafiose.

Di Matteo ha così commentato la decisione di reintegro nel pool stragi in seno alla Procura nazionale antimafia. Sempre durante il colloquio con il giornalista Andrea Purgatori, il magistrato è tornato sulle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia che hanno svelato il progetto di un attentato dinamitardo da compiere nei suoi confronti ed architettato dal boss Matteo Messina Denaro.

“L’attentato, dietro input di Messina Denaro come confermato da più collaboratori – ha sottolineato – smentisce che Cosa nostra abbia definitivamente abbandonato la strategia stragista, così come smentisce l’ipotesi secondo cui lo stesso Messina Denaro non sia interessato ad azioni eclatanti contro lo Stato. Questo vuol dire che la guerra contro Cosa nostra non è stata vinta definitivamente”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin