Noleggiatori Autobus Turistici (Anat): "Lo Stato ci ha dimenticato, vogliamo rispetto" :ilSicilia.it

Lo afferma Antonio Russo

Noleggiatori Autobus Turistici (Anat): “Lo Stato ci ha dimenticato, vogliamo rispetto”

di
8 Luglio 2020

“La nostra categoria è stata dimenticata dal Governo Conte ma la cosa peggiore è che per lo Stato nemmeno esistiamo, siamo degli invisibili, unicamente visibili soltanto all’Agenzia delle Entrate per le tasse da pagare”.

Lo afferma Antonio Russo, presidente di Anat, l’Associazione Noleggiatori Autobus Turistici, che non fa mistero della propria preoccupazione per la situazione di forte crisi che investe una categoria che chiede rispetto e considerazione e per la quale, di fatto, il 2020 è già finito e che sta cercando di porre le basi almeno per poter ripartire nella prossima stagione.

“Siamo appena ripartiti, dopo la recente ordinanza del presidente Musumeci, che ha rimosso l’obbligo di distanziamento sociale nel trasporto e che, di fatto, libera così anche i nostri mezzi. In pratica, siamo fermi dal 22 febbraio, quando si sono interrotte le gite scolastiche e il turismo è rimasto paralizzato da questa crisi sanitaria che è diventata, poi, un’emergenza economica. Il turismo oggi non c’è, perlomeno per la nostra categoria non esiste perché noi lavoriamo con la programmazione. Il nostro non è un lavoro dove si vive alla giornata e si intercettano flussi da un momento all’altro. Ci muoviamo un anno prima, in raccordo con le agenzia di viaggio. Noi stiamo già guardando al 2021 con impegno e con speranza, anche se l’incertezza è tanta ed è difficile fare previsioni”.

Antonio Russo, presidente di Anat
Antonio Russo, presidente di Anat

“I turisti dell’area Schengen non arrivano e chissà quando, se e come si potrà sbloccare la situazione di quei Paesi ritenuti ancora a rischio e che rappresentavano un segmento molto importante per il nostro settore – spiega Russo -. In ambito comunitario, si può ben vedere che, ad esempio, la Germania fa accordi con la Croazia e l’Italia rimane tagliata fuori dai corridoi turistici di questa stagione che già di per se stessa è largamente compromessa. Ma se il 2020 è virtualmente finito, non possiamo permetterci anche il 2021 sia un anno di forte crisi come adesso, o le nostre aziende rischiano di fallire. Noi lavoriamo per garantire la sopravvivenza delle nostre famiglie e dei nostri collaboratori e lo facciamo ogni giorno, senza sosta e senza avere orari, con dedizione e grandi sacrifici”. 

“In Sicilia la voglia di ripartire c’è ma da sola non basta ed evidentemente servono riforme strutturali ed incisive per andare oltre le buone intenzioni. La situazione è drammatica e avrebbe poco senso fare giri di parole. Occasionalmente facciamo dei servizi che ci danno una boccata d’ossigeno ma non c’è lavoro in termini continui e che sia in grado di farci affrontare la crisi. Il Governo Conte non ha fatto niente, ci ha riconosciuto qualcosa ma niente che possa aiutarci davvero. Avevamo chiesto di considerare almeno un trimestre del fatturato 2019, aprile-maggio-giugno ma non lo hanno fatto. Il Governo regionale ha messo a disposizione della categoria 10 milioni di euro, di cui 7 milioni per bus Ncc e natanti e 3 milioni x taxi ma va detto che il decreto non è stato firmato e non sappiamo, materialmente, quando saranno disponibili questi fondi”.

Russo parla in modo chiaro e diretto, soprattutto con dignità, ed il quadro che emerge dalle sue parole è di quelli che dovrebbero far provare un po’ di vergogna a chi ignora questa categoria di lavoratori: “Noi non siamo riconosciuti, non facciamo parte dei trasporti e nemmeno del turismo. Né carne né pesce, si potrebbe dire. E’ assurdo, è inaccettabile. Per lo Stato siamo degli invisibili, visibilissimi soltanto all’Agenzia delle Entrate. Ma noi esistiamo eccome, siamo lavoratori che esigono rispetto e chiediamo che il nostro settore venga disciplinato in termini normativi. Non chiediamo assistenzialismo, ma rispetto per la nostra professione e per la nostra dignità”.

Le istanze di questa categoria sono state, intanto, raccolte dalla parlamentare siciliana di Forza Italia, Urania Papatheu, che si è mossa per dare sostegno ai noleggiatori di bus turistici: “La incontrerò nelle prossime ore per fare il punto della situazione, è importante avere un sostegno e un riferimento mentre lo Stato ci tiene fuori dalle aule istituzionali e dai confronti con le associazioni di categoria”. 

“I Noleggiatori Autobus Turistici vorrebbero e potrebbero far parte, a pieno titolo, del comparto trasporti e turismo ma sono costretti a lottare per affrontare un problema nel problema, un ostacolo che aggrava la crisi già pesante in atto: “Viene riconosciuto il Tpl a chi già percepisce risorse importanti, mentre noi che abbiamo spese superiori per sostituire i mezzi, come i bus da 12 metri e 20, veniamo ignorati. Nel nostro settore le manutenzioni sono a nostro carico, e ci viene data l’opportunità di accedere solo a qualche contributo per la modifica dei sistemi operativi e per la digitalizzazione: cose che a noi non servono. Veniamo quasi derisi, c’è chi ci chiamo “trasportatori”, “pulmanari”, persino “prestatori di servizi” come fossimo delle prostitute. Ma non consentiremo più a nessuno di offenderci, siamo in tanti, vogliamo lottare per il rispetto dei nostri diritti e lo faremo con grande determinazione”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.