Noleggiatori Bus Turistici sabato in piazza: "No alle briciole, lottiamo per non scomparire" :ilSicilia.it
Catania

Anat annuncia la protesta a Catania

Noleggiatori Bus Turistici sabato in piazza: “No alle briciole, lottiamo per non scomparire”

di
3 Novembre 2020

L’Associazione Noleggiatori Autobus Turistici (Anat) sul “piede di guerra” per i mancati aiuti da parte dello Stato a fronte dell’emergenza Coronavirus che ha praticamente paralizzato l’attività dell’intero comparto.

Una nota è stata inviata al presidente della Regione, Nello Musumeci, e all’Assessore alle Infrastrutture, Mobilità e Trasporti, Marco Falcone, nonché alla Prefettura di Catania e alla Questura di Catania per preannunciare una manifestazione di protesta dei bus turistici, con gli addetti ai lavori che scenderanno in piazza a Catania il giorno 7 novembre.

“Con la presente – rende noto Anat – si comunica che, persistendo lo stato di agitazione proclamato in data 03/09/2020, non avendo avuto risposte soddisfacenti da parte del Governo nazionale, il 7 novembre scenderemo in piazza a manifestare tutto il nostro disagio e disappunto nei confronti di un Governo Nazionale totalmente sordo. La manifestazione si svolgerà in forma statica presso il piazzale antistante Le Ciminiere di Catania dalle ore 09.30 alle ore 14.00. Siamo una categoria resa invisibile da questo Governo, il nostro Codice Ateco è stato dimenticato e pertanto non inserito nell’ultimo decreto emanato dal Governo Conte, la cassa integrazione per i nostri dipendenti è entrata in letargo. Siamo al capolinea, siamo stanchi delle numerose richieste fatte e tutte puntualmente disattese o meglio accettate dandoci le briciole”.

Antonio Russo, presidente di Anat
Antonio Russo, presidente di Anat

“Noi investiamo centinaia di migliaia di euro per portare avanti le nostre aziende ed oggi le vediamo svalutate e deprezzate senza aver prodotto utili. Il 7 novembre manifesteremo il nostro disagio e tutto il nostro malessere chiedendo al Governo Regionale di farsi carico delle nostre legittime richieste al fine di ottenere dallo Stato contributi dedicati al nostro settore da poter elargire con semplicità e senza burocrazia, che ci permettano di sopravvivere fino a quando non ci sarà una ripresa del comparto che prevediamo possa avvenire non prima di Marzo 2022. Le nostre aziende hanno avuto un calo di fatturato di quasi il 90% siamo fermi da Ottobre 2019 e non sappiamo più come fare per andare avanti. Il rischio di fallimento è ormai prossimo e se, chi di competenza, vorrà evitare questa catastrofe chiediamo di adoperarsi in tutte le sedi per farci ottenere ciò che ci sembra lecito chiedere”.

Adesso basta, non siamo invisibili come lo Stato ci ha considerato sino ad oggi. La nostra professionalità e la nostra dignità non possono più essere calpestate così, lotteremo con tutte le nostre forze per difendere i nostri diritti di lavoratori e di cittadini. Il nostro dramma è arrivato in Parlamento con una interrogazione parlamentare presentata dalla sen. Urania Papatheu ma ancora attendiamo risposte dal governo Conte”, evidenzia il responsabile regionale di Anat, Antonio Russo.

Anat sollecita in particolare quattro priorità: 1) inserimento del proprio codice Ateco nel decreto Ristori; 2) contributi a fondo perduto da inserire nella legge di stabilità; 3) creazione di un albo professionale per le aziende di bus turistici; 4) contributi regionali strutturati da parte della Regione Siciliana per il 2021/2022. “Le nostre aziende e il nostro comparto non possono scomparire così – avverte Anat –, lotteremo per vedere riconosciuti i nostri diritti di imprenditori e di uomini”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin