Nomadi appiccano fuoco ai rifiuti a Palermo, proteste dei residenti: "Non li vogliamo" :ilSicilia.it
Palermo

in via B.C. 23, una traversa di via Messina Montagne

Nomadi appiccano fuoco ai rifiuti a Palermo, proteste dei residenti: “Non li vogliamo”

di
5 Aprile 2019

Un incendio è divampato questo pomeriggio a Palermo in via B.C. 23, una traversa di via Messina Montagne, in una villetta confiscata alla mafia dove sono stati portati questa mattina 14 nomadi trasferiti dal campo nomadi della Favorita. Ad appiccare le fiamme sono stati gli stessi rom che hanno pensato di bonificare la zona dalla plastica e dalla spazzatura trovata attorno.

Abbiamo chiamato subito la polizia e poi sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento le fiamme – dice l’imprenditore Salvo Cerrito, che abita a poca distanza – gli agricoltori della zona non possono bruciare la legna perché vengono denunciati; i rom invece possono dare fuoco alla plastica. Noi non li vogliamo. Sono arrivati da qualche ora e già hanno creato una nube nera che ha infestato la zona“.

I residenti si dicono contrari alla presenza dei Rom, anche se non hanno dato vita a manifestazioni eclatanti di protesta.

Non li vogliamo qui – ribadisce Cerrito -. La nostra zona è dimenticata dal Comune. Domenica prossima ci riuniremo al Baglio Favara Balate, residenti e proprietari, per stabilire una forma di lotta contro la decisione del Comune; ci riuniremo in associazione e decideremo le iniziative da adottare“.

Le fiamme che erano state appiccate dai rom sono state spente nel giro di pochi minuti dalle squadre dei vigili del fuoco, sul posto sono intervenute anche le auto della polizia, la situazione è sotto controllo.

 

LEGGI ANCHE:

Dismissione del campo nomadi, i Rom trasferiti in hotel. Orlando: “Si sono dimostrati palermitani” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin