Non bastava 'Mortacchio': a Palermo Carlo V sotto l'albero 'abusivo' :ilSicilia.it
Palermo

in pieno centro storico

Non bastava ‘Mortacchio’: a Palermo Carlo V sotto l’albero ‘abusivo’

di
16 Dicembre 2020

L’Imperatore Carlo V, dopo la vittoriosa spedizione di Tunisi del 1535 decise di fermarsi nel Regno di Sicilia, sostando a Palermo. Nel 1630, per ricordare quell’evento, l’artista Scipione Li Volsi, realizzò una grande scultura in bronzo, dove l’imperatore fu rappresentato cinto di alloro, con l’armatura e la spada nel fodero, ad indicare di essere sempre pronto ad usarla. La mano sinistra appoggiata su di un bastone, mentre la destra protesa in avanti e aperta che giura fedeltà alla Costituzione e ai privilegi da lui concessi al Regno di Sicilia.

La statua, inizialmente non ebbe subito fortuna, perché destinata nella piazza Vigliena, rimase in attesa fino al 1632, quando venne collocata nella vicina Piazza Bologna. Durante il secondo conflitto mondiale, fu spostata nuovamente in fondo alla piazza, per dare la possibilità ai gerarchi, che uscivano dalla sede di Palazzo Belmonte Riso, di parlare alla folla con una migliore visuale. Dopo la guerra, finalmente, esce dall’ombra per ritornare definitivamente nella posizione.

Ma ritorniamo ai giorni nostri. In questa ultima settimana, abbiamo assistito alle rocambolesche avventure, di un albero di Natale collocato dal Comune di Palermo a Piazza Ruggero Settimo, davanti il monumentale Teatro Politeama, già ampiamente trattato sui Social, tra proteste e ironica goliardia mediatica. Per non farci mancare nulla, l’Azienda Municipalizzata dell’AMAP, posiziona un grande albero di Natale, proprio davanti il nostro Carlo V, nascondendolo completamente alla vista dei passanti.

Mettere un albero di Natale sul suolo pubblico, è un procedimento che prevede tempi tecnici adeguati, sia che si tratti del Comune di Palermo, sia di una qualsiasi municipalizzata o privati. Bisogna fare una determina che impegni delle somme per l’acquisto dell’albero, le luci e gli addobbi. Predisporre inoltre, il servizio esterno di uomini e mezzi, come ad esempio, recarsi fuori dal comune, per ritirare l’albero, donato dal Corpo Forestale della Regione siciliana. Infine, non per ultimo, ottenere il Nulla Osta della Soprintendenza dei Beni Culturali, che esprime un parere ed eventualmente dispone delle deroghe al fine di tutelare il monumento, la sua sicurezza e garantire la piena visibilità dello stesso, al pubblico passante.

Sulla postura di Carlo V, il popolo palermitano non ha mai dispensato battute ironiche, in particolare, sulla mano aperta, che indica ad esempio: a Palermo per vivere bene bisogna avere un sacco di denari alto così; a Palermo il foraggio è alto così, oppure, tristemente attuale, a Palermo l’immondizia è alta così. Guardandolo oggi, soffocato da questo albero di Natale, un vecchio detto palermitano, si adatterebbe perfettamente per l’occasione: allargati dal battello che la vernice è fresca! Non a caso, tra i vincoli sulla piazza monumentale, esiste anche quello di posizionare cose o strutture, autorizzate dalla Soprintendenza, ad una distanza di almeno tre metri dal basamento della statua.

Dagli uffici della Soprintendenza, non risulta che il Comune di Palermo, per Piazza Ruggero Settimo, e l’AMAP, per Piazza Bologna abbiano chiesto il dovuto Nulla Osta.

La prevenzione e la tutela del nostro patrimonio culturale, passa dal rispetto delle regole.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin