Non c'è pace per le sorelle Napoli: nuovo raid a Mezzojuso :ilSicilia.it
Palermo

TERZO DANNEGGIAMENTO IN TRE MESI

Non c’è pace per le sorelle Napoli: nuovo raid a Mezzojuso

di
24 Novembre 2019

Ancora recinzioni tagliate e una mandria che ha invaso i loro terreni. Nuovo raid contro le sorelle Napoli, le donne minacciate dalla mafia a Mezzojuso (PA). Della loro vicenda si è occupato più volte Massimo Giletti nella sua trasmissione “Non è l’Arena”, su La7.

Si tratta del terzo danneggiamento in tre mesi. In precedenza era già successo il 3 e 4 settembre, poi ancora il 15 novembre, l’ultimo episodio venerdì scorso.

Una delle sorelle è arrivata in azienda e ha trovato alcune mucche nei propri terreni coltivati. È scattata così l’ennesima denuncia alla stazione dei carabinieri dei Mezzojuso, che dipende dalla compagnia di Misilmeri.

La denuncia arriverà sul tavolo della procura di Termini Imerese che coordinano le indagini. Al Tribunale è in corso un processo che vede imputati tre uomini per i raid avvenuti negli anni scorsi.

“Quante denunce ancora dovremo fare? – chiedono le sorelle – Qualcuno forse pensa di farci paura. Ma si sbaglia di grosso”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.