"Non diffamò Matteo Tutino", archiviato procedimento contro il giornalista Zoppi :ilSicilia.it
Palermo

L'articolo del 12 giugno 2016

“Non diffamò Matteo Tutino”, archiviato procedimento contro il giornalista Zoppi

di
8 Febbraio 2018

Il gip del Tribunale di Palermo Marco Gaeta ha archiviato il procedimento nei confronti del giornalista palermitano Maurizio Zoppi e del direttore dell’allora giornale online Tweet Press, Fabrizio Grasso, denunciati per diffamazione dall’ex primario del reparto di Chirurgia Plastica di Villa Sofia Matteo Tutino.

“Non sussiste l’ipotesi di reato formulata – scrive il giudice nell’ordinanza – per insussistenza dell’elemento soggettivo ed è perciò inutile la celebrazione di un processo”. 

La vicenda ha inizio dopo il ricorso presentato da alcuni medici di Villa Sofia sull’esito delle procedure per la selezione del nuovo direttore del reparto di Chirurgia plastica e maxillo facciale. L’articolo firmato da Zoppi il 12 giugno 2016 “riportava fedelmente – scrive il giudice – la nota inviata dal ministero per l’Università e la Ricerca rispetto alle informazioni richieste dall’ospedale (a selezione avvenuta) su come valutare un corso di formazione di 5 mesi svolto a New York presso l’Albert Einstein College of Medicine”.

Il giornalista, difeso dagli avvocati Miriam Lo Bello e Nino Caleca, “ha evidentemente agito – precisa il gip – senza la volontà di diffamare Tutino, avendo ritenuto che la risposta del Ministero circa la non validità del diploma in chirurgia maxillo-facciale quale titolo di specializzazione spendibile in Italia certificasse la mancanza di un titolo necessario per rivestire l’incarico di dirigente nel reparto commesso che gli è stato affidato”.

Una prima richiesta di archiviazione dei pm era stata respinta dal gip che si era opposto disponendo nuove indagini. La seconda istanza della procura è stata invece accolta.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin