Non versavano la tassa di soggiorno al Comune: blitz in 17 hotel a Taormina :ilSicilia.it
Taormina

Finanza sequestra mezzo milione di euro

Non versavano la tassa di soggiorno al Comune: blitz in 17 hotel a Taormina

di
7 Agosto 2020

A pochi giorni dal Ferragosto, nel momento in cui Taormina si riempie di turisti, un blitz della Guardia di Finanza ha interessato nella giornata nelle scorse ore numerose strutture ricettive, accusate di non aver trasferito al Comune i proventi della tassa di soggiorno pagata dai clienti.

Per questo i finanziari della Finanza di Messina hanno sequestrato circa mezzo milione di euro ai responsabili di diciassette alberghi nella Perla dello Ionio. Il provvedimento è stato deciso dal gip su richiesta della Procura di Messina.

Da quanto è emerso dalle indagini, i titolari degli hotel si sarebbero appropriati delle somme ricevute dai propri clienti, quando invece avrebbero dovuto versarle nelle casse comunali. Per loro l’accusa adesso è peculato, poiché non avrebbero rispettato la delibera di Consiglio comunale del 6 novembre 2012, che aveva approvato il Regolamento dell’imposta di soggiorno nelle strutture alberghiere. Gli albergatori avrebbero perfino ignorato le diffide di pagamento ricevute dal Comune. L’omesso versamento delle somme ha consentito ai titolari delle strutture ricettive di incassare tra il 2013 e il 2018 una somma stimata in 468 mila euro non dovuti. Tra le strutture interessate dalle indagini ci sarebbero anche due alberghi a cinque stelle e almeno sette a quattro stelle.

La Guardia di Finanza, attraverso i relativi accertamenti delle Fiamme Gialle di Taormina, avevano avviato a suo tempo delle verifiche sulle somme non versate da alcune strutture ricettive ed extra-ricettive al Comune. La somma, che è mancata all’appello è diventata negli anni cospicua ma il Comune ha poi intrapreso un’azione di recupero e alcune strutture hanno versato, seppure in ritardo, le somme dovute all’ente. La tassa di soggiorno a Taormina è in vigore dal 1 gennaio 2013 e si erano accumulati, nel tempo, dei ritardi soprattutto per le prime annualità, 2013, 2014 e 2015.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.