Non versavano la tassa di soggiorno al Comune: blitz in 17 hotel a Taormina :ilSicilia.it
Taormina

Finanza sequestra mezzo milione di euro

Non versavano la tassa di soggiorno al Comune: blitz in 17 hotel a Taormina

di
7 Agosto 2020

A pochi giorni dal Ferragosto, nel momento in cui Taormina si riempie di turisti, un blitz della Guardia di Finanza ha interessato nella giornata nelle scorse ore numerose strutture ricettive, accusate di non aver trasferito al Comune i proventi della tassa di soggiorno pagata dai clienti.

Per questo i finanziari della Finanza di Messina hanno sequestrato circa mezzo milione di euro ai responsabili di diciassette alberghi nella Perla dello Ionio. Il provvedimento è stato deciso dal gip su richiesta della Procura di Messina.

Da quanto è emerso dalle indagini, i titolari degli hotel si sarebbero appropriati delle somme ricevute dai propri clienti, quando invece avrebbero dovuto versarle nelle casse comunali. Per loro l’accusa adesso è peculato, poiché non avrebbero rispettato la delibera di Consiglio comunale del 6 novembre 2012, che aveva approvato il Regolamento dell’imposta di soggiorno nelle strutture alberghiere. Gli albergatori avrebbero perfino ignorato le diffide di pagamento ricevute dal Comune. L’omesso versamento delle somme ha consentito ai titolari delle strutture ricettive di incassare tra il 2013 e il 2018 una somma stimata in 468 mila euro non dovuti. Tra le strutture interessate dalle indagini ci sarebbero anche due alberghi a cinque stelle e almeno sette a quattro stelle.

La Guardia di Finanza, attraverso i relativi accertamenti delle Fiamme Gialle di Taormina, avevano avviato a suo tempo delle verifiche sulle somme non versate da alcune strutture ricettive ed extra-ricettive al Comune. La somma, che è mancata all’appello è diventata negli anni cospicua ma il Comune ha poi intrapreso un’azione di recupero e alcune strutture hanno versato, seppure in ritardo, le somme dovute all’ente. La tassa di soggiorno a Taormina è in vigore dal 1 gennaio 2013 e si erano accumulati, nel tempo, dei ritardi soprattutto per le prime annualità, 2013, 2014 e 2015.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.