Non versavano la tassa di soggiorno al Comune: blitz in 17 hotel a Taormina :ilSicilia.it
Taormina

Finanza sequestra mezzo milione di euro

Non versavano la tassa di soggiorno al Comune: blitz in 17 hotel a Taormina

di
7 Agosto 2020

A pochi giorni dal Ferragosto, nel momento in cui Taormina si riempie di turisti, un blitz della Guardia di Finanza ha interessato nella giornata nelle scorse ore numerose strutture ricettive, accusate di non aver trasferito al Comune i proventi della tassa di soggiorno pagata dai clienti.

Per questo i finanziari della Finanza di Messina hanno sequestrato circa mezzo milione di euro ai responsabili di diciassette alberghi nella Perla dello Ionio. Il provvedimento è stato deciso dal gip su richiesta della Procura di Messina.

Da quanto è emerso dalle indagini, i titolari degli hotel si sarebbero appropriati delle somme ricevute dai propri clienti, quando invece avrebbero dovuto versarle nelle casse comunali. Per loro l’accusa adesso è peculato, poiché non avrebbero rispettato la delibera di Consiglio comunale del 6 novembre 2012, che aveva approvato il Regolamento dell’imposta di soggiorno nelle strutture alberghiere. Gli albergatori avrebbero perfino ignorato le diffide di pagamento ricevute dal Comune. L’omesso versamento delle somme ha consentito ai titolari delle strutture ricettive di incassare tra il 2013 e il 2018 una somma stimata in 468 mila euro non dovuti. Tra le strutture interessate dalle indagini ci sarebbero anche due alberghi a cinque stelle e almeno sette a quattro stelle.

La Guardia di Finanza, attraverso i relativi accertamenti delle Fiamme Gialle di Taormina, avevano avviato a suo tempo delle verifiche sulle somme non versate da alcune strutture ricettive ed extra-ricettive al Comune. La somma, che è mancata all’appello è diventata negli anni cospicua ma il Comune ha poi intrapreso un’azione di recupero e alcune strutture hanno versato, seppure in ritardo, le somme dovute all’ente. La tassa di soggiorno a Taormina è in vigore dal 1 gennaio 2013 e si erano accumulati, nel tempo, dei ritardi soprattutto per le prime annualità, 2013, 2014 e 2015.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin