Nostalgia delle abbanniate :ilSicilia.it
Palermo

Ricordi e usanze in dialetto

Nostalgia delle abbanniate

di
6 Ottobre 2017

Carissimi,

abbanniatainizio ad avere grande nostalgia delle “abbanniate”, quando la mattina d’estate, molto presto passava un omino che gridava: “astura v’arrifriscanu!”

Non c’era bisogno di dire altro. Watzlawick non doveva fare appello alla necessità di comunicare poiché l’omino aveva già espresso chiaramente di cosa si trattasse, senza ricorrere a trucchi pubblicitari o marketing, l’omino vendeva i “gelsi”. I gelsi a quell’ora della mattina ti rinfrescavano.

E quanti di noi, sono cresciuti con il “cocco bello, cocco” delle spiagge assolate dove un abbronzatissimo venditore con i piedi nudi adiabatici percorreva sulla sabbia rovente i cortili pieni di capanne a Mondello.

Ma “quanto è bello u sfincionello”, davanti alle scuole, con la sua cipolla digeribile alle quarantottore, per non parlare di quel brik metallico con il quale si cospargeva l’olio della cui origine controllata nessuno si è mai chiesto (poteva anche essere olio riciclato di radiatore, i nostri stomaci non avrebbero trovato alcuna differenza).

E chi ricorda le promesse del “cu mancia patate nun mori mai”? Molto presto scoprimmo che erano di false attese, come quelle del “talè comu t’arripara talè”, quel subdolo astuccio che conteneva piegato una sorta d’impermeabile in plastica, che se forse ti avrebbe riparato allo stadio da un improvviso acquazzone certamente ti avrebbe costretto a un bagno di sudore.

E che dire della fiat 850 con i fornelli in buona mostra sul tetto e il nastro registrato che continuava a ripetere: “Si riparano cucine a gassi”?

ingombranti rap palermoMa “l’abbanniata” della quale ho grande nostalgia e che certamente attraverso la sua scomparsa ha cambiato in peggio la qualità della nostra vita, era quella anticipata dal colpo di fischietto e cioè: “Amunnizza”. Nei piccoli centri ciò avveniva ancora fino a qualche anno fa.

A quella energica abbanniata un omone con un sacco nero a spalle, faceva anche sette piani a piedi, ti bussava alla porta e la massaia usciva andandogli incontro con la sua pattumiera prima di sdivacarla all’interno dell’enorme sacco nero, in una comunione di rifiuti che mescolandosi veniva dall’omone buttata nella lapa, o nel mezzo mobile per la raccolta che lo aspettava davanti al portone. Le strade erano pulite, perché non esistevano né i sacchetti, né il contenitore per la spazzatura a ridosso dei marciapiedi.

Venne il tempo dell’AMNU, azienda municipalizzata nettezza urbana, molto prima di AMIA o RAP e certo non si leggeva giornalmente di dissesti finanziari, l’omino si chiamava “spazzino” e non si offendeva visto il dignitosissimo lavoro fatto pari a tanti altri, ed erano gli anni sessanta, in una terra che veniva dal dopoguerra e sognava.
Poi venne l’epoca del “netturbino” e in fine l’epoca “dell’operatore ecologico”, come se un nome potesse cambiare la sostanza dei fatti.

Vennero gli autocompattatori sofisticati, venne la raccolta differenziata a macchia di leopardo, vennero i rifiuti ingombranti, vecchi salotti, materassi e cantarani ad arredare i marciapiedi ma nulla fu più come prima. L’urlo giornaliero “Amunnizza” è stato soppianto da un urlo ancora più disumano proferito in orari generalmente notturni, nel pieno del profondo sonno, “Vaiiiiii”, che sancisce il segnale che dall’operatore ecologico addetto a riversare i cassonetti nell’autocompattatore giunge al guidatore del mezzo per invitarlo a raggiungere l’ulteriore gruppo di cassonetti al prossimo sito.

Rimpiango anche i primi cassonetti dove dentro si buttava di tutto, finanche le persone, rimpiango il raccoglitore di ferro che prima gettava un’occhiata dentro il contenitore posteggiando la sua lapa a ridosso dello stesso e poi abbanniava “ferri viecchi n’aviemu?”

Che paese era quello, oggi guardo con nostalgia nelle mattinate l’operatore ramazzare i marciapiedi e le caditoie con la sua scopa di plastica verde, assai efficace, lavorando in solitario con il suo piccolo mezzo, svuotando finanche i cestini ancora non vandalizzati consapevole che tale pulizia non durerà neanche un’ora, poiché all’espressione “schifiu a città è ngrasciata” il cittadino continuerà a trattare le strade come una enorme pattumiera e a poco serviranno le isole pedonali.

Tra “Amunnizza” e “Vaiiiiii” si compi una rivoluzione copernichiana cambiando il “senso e la direzione” del servizio, poiché prima era l’amministrazione con il suo sacco nero ad andare porta a porta verso il cittadino, oggi è il cittadino che va verso gli autocompattatori. Magari non c’è una logica, magari era più costoso ma certamente più umano e l’immondizia passava direttamente dalle case ai camion della raccolta, senza sostare nelle strade, ma una cosa è certa, nel primo caso le città erano più pulite.

Un abbraccio Epruno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.