Notte da incubo nel Messinese: calci in faccia al medico del pronto soccorso :ilSicilia.it
Messina

tra Mistretta e Santo Stefano di Camastra

Notte da incubo nel Messinese: calci in faccia al medico del pronto soccorso

di
23 Agosto 2020

Notte di follia nel Messinese, tra Mistretta e Santo Stefano di Camastra. Secondo quanto riporta un quotidiano locale, infatti, intorno alla mezzanotte di ieri, un uomo avrebbe aggredito un medico del Pronto soccorso di Mistretta.

L’uomo, probabilmente sotto effetto di alcool o droghe, si era reso protagonista poco prima di un’altra aggressione nei pressi di un bar di Santo Stefano di Camastra, ai danni di una donna, che sarebbe – a quanto pare – la cognata dell’aggressore (un extracomunitario residente in provincia di Monza e Brianza).

L’uomo – dopo altre aggressioni in giro per il paese – sarebbe stato poi bloccato dai carabinieri e sedato al pronto soccorso. Quando sembrava si fosse calmato, l’uomo si sarebbe liberato sotto l’occhio dei carabinieri e avrebbe cercato di colpire il medico di guardia – una dottoressa – con due calci in faccia, uno dei quali andato a segno.

Il trentenne dovrà ora rispondere di aggressione, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e a un incaricato di pubblico servizio, oltre che di danneggiamento aggravato.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin