Notte d'inferno in Sicilia: a fuoco un villaggio turistico a San Vito, evacuati i turisti :ilSicilia.it
Palermo

Roghi divampati anche nel Palermitano alimentati dallo scirocco

Notte d’inferno: a fuoco un villaggio turistico a San Vito, evacuati i turisti

di
10 Luglio 2019
FOTO FB
FOTO FB

Diversi incendi sono stati appiccati la notte scorsa tra la provincia di Trapani e Palermo. Sono stati impegnati per spegnerli i vigili del fuoco, i forestali e le squadre della protezione civile.

La situazione più grave nel trapanese a San Vito Lo Capo dove le fiamme hanno lambito il villaggio Calampiso da dove sono state evacuate 750 persone. Gli ospiti della struttura, fra cui molti turisti, sono stati trasportati a bordo dei motopescherecci in attesa che cessasse l’allarme. Questa mattina, a bordo di pullman, hanno fatto rientro nella struttura alberghiera. Ad alimentare il fuoco, il vento di scirocco che ha soffiato nel corso della notte. Per spegnere le fiamme sono intervenuti anche due canadair.

Alle prime luci dell’alba è giunto a San Vito Lo Capo anche il Prefetto di Trapani Ricciardi che assieme ai vigili del fuoco e al comandate provinciale dei carabinieri, colonnello Gianluca Vitagliano, ha effettuato un sopralluogo nella zona colpita dall’incendio, dove nel frattempo le fiamme erano state domate grazie anche all’intervento di 2 canadair, revocando il provvedimento di evacuazione. Le persone hanno così potuto fare rientro nella struttura ricettiva, sempre a bordo dei 3 mezzi messi a disposizione del Comune e di un mezzo dei vigili del fuoco. Gli ultimi 80 sono tornati al villaggio verso le 9:00 di questa mattina.

La macchina dei soccorsi è stata efficiente ed efficace – dichiara il sindaco Giuseppe Peraino che ha seguito fin dalla notte le attività di intervento-. Non si sono registrati momenti di panico, nonostante buio e il mare mosso a causa del vento di scirocco, e anche sulla terraferma gli evacuati sono stati assistiti e rifocillati  nel migliore dei modi. Ringrazio le forze dell’ordine e tutto il personale impiegato  nell’attività di soccorso,  la vicinanza come sempre mostrata dall’arma dei carabinieri, con il colonnello Gianluca Vitagliano e il comandante Diego Vezzoli, della locale stazione, il comandante della Capitaneria di porto di Trapani, capitano di vascello Franco Maltese, e il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Trapani,  Pasquale Pilerci. Senza dimenticare il prezioso e indispensabile contributo dei vigili del fuoco e della protezione civile.  Un sincero ringraziamento, inoltre, va al Prefetto Ricciardi che ha voluto accertarsi  in prima persona che la situazione di pericolo fosse scampato e a tutti coloro che si sono messi a disposizione, con i propri mezzi, per prestare soccorso agli ospiti della struttura evacuata“.

Due vasti incendi sono divampati anche nel Palermitano. Il rogo più vasto è avvenuto ad Alia dove le fiamme hanno minacciato le case in contrada Cavaro ad Alia. Ettari di macchia mediterranea sono andati in fumo e la popolazione ha temuto che le fiamme arrivassero alle abitazioni che si trovano a ridosso della via Pernice. Il fuoco poi si è spostato verso Valledolmo, coinvolgendo anche le colline delle contrade “Sciarria” e “Gurfa”.

 

 

Un altro incendio anche a Monreale, nella zona di Cozzo Meccini, a pochi passi dal centro abitato.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin