Notte d'inferno in Sicilia: a fuoco un villaggio turistico a San Vito, evacuati i turisti :ilSicilia.it
Palermo

Roghi divampati anche nel Palermitano alimentati dallo scirocco

Notte d’inferno: a fuoco un villaggio turistico a San Vito, evacuati i turisti

10 Luglio 2019
FOTO FB
FOTO FB

Diversi incendi sono stati appiccati la notte scorsa tra la provincia di Trapani e Palermo. Sono stati impegnati per spegnerli i vigili del fuoco, i forestali e le squadre della protezione civile.

La situazione più grave nel trapanese a San Vito Lo Capo dove le fiamme hanno lambito il villaggio Calampiso da dove sono state evacuate 750 persone. Gli ospiti della struttura, fra cui molti turisti, sono stati trasportati a bordo dei motopescherecci in attesa che cessasse l’allarme. Questa mattina, a bordo di pullman, hanno fatto rientro nella struttura alberghiera. Ad alimentare il fuoco, il vento di scirocco che ha soffiato nel corso della notte. Per spegnere le fiamme sono intervenuti anche due canadair.

Alle prime luci dell’alba è giunto a San Vito Lo Capo anche il Prefetto di Trapani Ricciardi che assieme ai vigili del fuoco e al comandate provinciale dei carabinieri, colonnello Gianluca Vitagliano, ha effettuato un sopralluogo nella zona colpita dall’incendio, dove nel frattempo le fiamme erano state domate grazie anche all’intervento di 2 canadair, revocando il provvedimento di evacuazione. Le persone hanno così potuto fare rientro nella struttura ricettiva, sempre a bordo dei 3 mezzi messi a disposizione del Comune e di un mezzo dei vigili del fuoco. Gli ultimi 80 sono tornati al villaggio verso le 9:00 di questa mattina.

La macchina dei soccorsi è stata efficiente ed efficace – dichiara il sindaco Giuseppe Peraino che ha seguito fin dalla notte le attività di intervento-. Non si sono registrati momenti di panico, nonostante buio e il mare mosso a causa del vento di scirocco, e anche sulla terraferma gli evacuati sono stati assistiti e rifocillati  nel migliore dei modi. Ringrazio le forze dell’ordine e tutto il personale impiegato  nell’attività di soccorso,  la vicinanza come sempre mostrata dall’arma dei carabinieri, con il colonnello Gianluca Vitagliano e il comandante Diego Vezzoli, della locale stazione, il comandante della Capitaneria di porto di Trapani, capitano di vascello Franco Maltese, e il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Trapani,  Pasquale Pilerci. Senza dimenticare il prezioso e indispensabile contributo dei vigili del fuoco e della protezione civile.  Un sincero ringraziamento, inoltre, va al Prefetto Ricciardi che ha voluto accertarsi  in prima persona che la situazione di pericolo fosse scampato e a tutti coloro che si sono messi a disposizione, con i propri mezzi, per prestare soccorso agli ospiti della struttura evacuata“.

Due vasti incendi sono divampati anche nel Palermitano. Il rogo più vasto è avvenuto ad Alia dove le fiamme hanno minacciato le case in contrada Cavaro ad Alia. Ettari di macchia mediterranea sono andati in fumo e la popolazione ha temuto che le fiamme arrivassero alle abitazioni che si trovano a ridosso della via Pernice. Il fuoco poi si è spostato verso Valledolmo, coinvolgendo anche le colline delle contrade “Sciarria” e “Gurfa”.

 

 

Un altro incendio anche a Monreale, nella zona di Cozzo Meccini, a pochi passi dal centro abitato.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.