Nubi su Almaviva Palermo, Tim e Wind 'scappano' all'estero? :ilSicilia.it
Palermo

I RISULTATI DEL TAVOLO MINISTERIALE

Nubi su Almaviva Palermo, Tim e Wind ‘scappano’ all’estero?

6 Novembre 2019

Scenario che si prospetta sempre più a tinte fosche quello che riguarda il futuro di Almaviva a Palermo: i committenti Wind e Tim non hanno dato risposte positive ad azienda e sindacati, questo quanto emerso dal tavolo ministeriale convocato a Roma, alla presenza sottosegretari al Lavoro Steni Di Piazza e allo Sviluppo economico Alessandra Todde, del capo di gabinetto del ministero per il Sud e dell’assessore Giovanna Marano per il Comune di Palermo.

Tra i lavoratori della sede siciliana, adesso, si fa largo la voce che i committenti stiano vagliando la possibilità di rivolgersi all’estero per la fornitura del servizio di call center. In particolare, da Tim non sono pervenuti riscontri precisi, mentre da Wind sono arrivate risposte negative, sia sul fronte delle tariffe che sul fronte dei volumi.

I sindacati hanno anche chiesto al governo un impegno forte per il recupero del credito di 14 milioni di euro che Almaviva vanta verso Alitalia. Il governo ha raccolto l’invito a intervenire a breve sulle committenze, sia per i volumi che per la parte creditoria e, fatti i passaggi istituzionali, convocherà nuovamente le parti al tavolo entro il 6 dicembre, anche se i sindacati auspicano un accelerazione.

A Palermo l’azienda conta un totale di circa 20 mila addetti, con un bacino di 3500 unità con contratto a tempo indeterminato. “Il quadro rappresentato – dicono in una nota congiunta i segretari Maurizio Rosso della Slc Cgil Palermo, Eliana Puma della Fistel Cisl, Giuseppe Tumminia della Uilcom Uil, Aldo Li Vecchi dell’Ugl Tlc – è più drammatico di quello prospettato appena un mese fa in sede ministeriale. Da Tim non sono pervenuti riscontri precisi ma da Wind sono arrivate risposte negative, sia sul fronte delle tariffe che sul fronte dei volumi e tale riscontro potrebbe rendere insostenibile la prosecuzione del rapporto commerciale con questo committente“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.