Nubi su Almaviva Palermo, Tim e Wind 'scappano' all'estero? :ilSicilia.it
Palermo

I RISULTATI DEL TAVOLO MINISTERIALE

Nubi su Almaviva Palermo, Tim e Wind ‘scappano’ all’estero?

6 Novembre 2019

Scenario che si prospetta sempre più a tinte fosche quello che riguarda il futuro di Almaviva a Palermo: i committenti Wind e Tim non hanno dato risposte positive ad azienda e sindacati, questo quanto emerso dal tavolo ministeriale convocato a Roma, alla presenza sottosegretari al Lavoro Steni Di Piazza e allo Sviluppo economico Alessandra Todde, del capo di gabinetto del ministero per il Sud e dell’assessore Giovanna Marano per il Comune di Palermo.

Tra i lavoratori della sede siciliana, adesso, si fa largo la voce che i committenti stiano vagliando la possibilità di rivolgersi all’estero per la fornitura del servizio di call center. In particolare, da Tim non sono pervenuti riscontri precisi, mentre da Wind sono arrivate risposte negative, sia sul fronte delle tariffe che sul fronte dei volumi.

I sindacati hanno anche chiesto al governo un impegno forte per il recupero del credito di 14 milioni di euro che Almaviva vanta verso Alitalia. Il governo ha raccolto l’invito a intervenire a breve sulle committenze, sia per i volumi che per la parte creditoria e, fatti i passaggi istituzionali, convocherà nuovamente le parti al tavolo entro il 6 dicembre, anche se i sindacati auspicano un accelerazione.

A Palermo l’azienda conta un totale di circa 20 mila addetti, con un bacino di 3500 unità con contratto a tempo indeterminato. “Il quadro rappresentato – dicono in una nota congiunta i segretari Maurizio Rosso della Slc Cgil Palermo, Eliana Puma della Fistel Cisl, Giuseppe Tumminia della Uilcom Uil, Aldo Li Vecchi dell’Ugl Tlc – è più drammatico di quello prospettato appena un mese fa in sede ministeriale. Da Tim non sono pervenuti riscontri precisi ma da Wind sono arrivate risposte negative, sia sul fronte delle tariffe che sul fronte dei volumi e tale riscontro potrebbe rendere insostenibile la prosecuzione del rapporto commerciale con questo committente“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.