Nucleare: Regione siciliana e sindaci dei territori: "In Sicilia niente scorie" :ilSicilia.it

dichiarazioni di Micciché e Cordaro

Nucleare: Regione siciliana e sindaci dei territori: “In Sicilia niente scorie”

di
13 Gennaio 2021

“Sono fiducioso: la Sicilia non ospitera’ alcun deposito di scorie radioattive”. Di questo e’ convinto l’assessore regionale al territorio e ambiente Toto Cordaro che ha partecipato a Petralia Sottana (Palermo) a una seduta allargata del consiglio del Parco delle Madonie convocata dal presidente Angelo Merlino. Con Cordaro sono intervenuti il presidente dell’Assemblea regionale, Gianfranco Micciché, i sindaci del comprensorio e i rappresentanti di vari organismi sovracomunali. Tutti hanno espresso una netta contrarieta’ alla individuazione di quattro siti in Sicilia tra cui quello di Vicaretto tra Castellana Sicula e Petralia Sottana, nell’area del Parco delle Madonie.

Categorico il giudizio di Micciché: “Si tratta di una grande minchiata“. Anche lui, come Cordaro, sostiene che nessuno dei quattro siti siciliani puo’ essere considerato idoneo al programma di stoccaggio delle scorie. Per Micciché si tratta di una “proposta fuori dal mondo da restituire al mittente“.

Cordaro ha ricostruito l’iter della individuazione di 67 siti in tutta Italia e ha sottolineato che, trovandosi sotto procedura di infrazione, il governo ha stata accelerato la formulazione di una mappa basata su elementi “cartolari” e privi del supporto di sopralluoghi nelle aree individuate. Cordaro ha anche sottolineato che sul rifiuto della scelta c’e’ unanimita’ politica (confermata in videoconferenza dal capogruppo del Pd all’Ars, Giuseppe Lupo) e che si stanno sviluppando tutte le azioni necessarie per fare cambiare la proposta. Il 15 gennaio insediera’ un gruppo di lavoro da lui presieduto e coordinato da Aurelio Angelini con la partecipazione dei sindaci interessati, dei rappresentanti dei quattro atenei siciliani e del presidente della commissione ambiente dell’Ars.

Il gruppo elaborerà una relazione contraria alla scelta dei siti in Sicilia che peraltro ha una vocazione ambientalista dimostrata dal fatto che ospita sette siti Unesco e due di geopark, tra cui quello del Parco delle Madonie. Cordaro ha poi ricordato che le scorie dovrebbero arrivare in Sicilia dopo un lungo viaggio dal Nord Italia che presenta criticita’ di sicurezza. “Abbiamo 60 giorni di tempo – ha concluso Cordaro – per chiudere questa fase della consultazione. Ma sull’esito sono fiducioso: in Sicilia queste scorie non arriveranno mai“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin