Nuova chiesa ad Agrigento, il bando vinto da uno studio di architetti palermitani | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

La chiesa sorgerà al villaggio mosè

Nuova chiesa ad Agrigento, il bando vinto da uno studio di architetti palermitani

di
13 Settembre 2017

Le cose semplici sono le più belle, diceva San Francesco. Un insegnamento che sembra facile da seguire ma non lo è affatto, il rischio è quello di risultare sciatti o privi di originalità, specialmente in architettura. Ma quando si riesce ad amalgamare nel modo giusto semplicità, bellezza e originalità il gioco è fatto. Ed è stata questa l’alchimia vincente degli architetti under 40 palermitani Alberto Cusumano, Cristina Calì e Marco Alesi che con il loro studio AM3 hanno partecipato e vinto, al concorso di idee bandito dalla Diocesi di Agrigento per la costruzione di una nuova chiesa a Villaggio Mosè, nella periferia di Agrigento.

A partecipare al concorso erano dodici studi di architettura siciliani scelti in base ai meriti dalla Curia di Agrigento, lo studio AM3 alla ricetta vincente ha aggiunto anche una forte spiritualità e ha saputo miscelare tradizione e innovazione aggiudicandosi la vittoria con un progetto che vede anche coinvolti l’artista palermitano Igor Scalisi Palminteri e il liturgista nisseno Don Luciano Calabrese e gli architetti Stefania Micciché e Carlo Mastrosimone. La chiesa sarà costruita all’interno di Villaggio Mosè nato come area di pertinenza dei minatori della zona e negli anni ’50 viene costruito il complesso che prevede una chiesa, gli uffici e i saloni della parrocchia, la chiesa dieci anni fa venne demolita per problemi strutturali e attualmente i parrocchiani usano come chiesa i saloni adiacenti la spianata dove sorgeva la chiesa.

La chiesa è dedicata al Cuore Immacolato di Maria così l’elemento principale è un dettaglio semplice ma carico di spiritualità: un taglio verticale che raccoglie la luce indiretta che arriva da un lucernario e dal soffitto cade  giù come uno squarcio, a guardare l’effetto, sembra proprio il manto di Maria. “Abbiamo cercato di mettere insieme la storia di quel posto con l’innovazione architettonica – spiega Alberto Cusumano, uno degli architetti della AM3 – così abbiamo progettato la chiesa pensando ad una cava con le pietre tagliate, sia dentro che fuori, a rappresentare l’umanità che lavora, su di loro si stende il manto di Maria, la luce divina“.

La parte artistica è affidata ad uno degli artisti più talentuosi della Sicilia: Igor Scalisi Palminteri, a cui è anche affidata la realizzazione di un enorme mosaico (10 metri per 4) che si trova all’interno del chiostro accanto alla chiesa. “Mi sono lasciato ispirare dalle cave – racconta Palminteri – tutti gli elementi sono in pietra intagliata ma anche alla figura del Profeta Mosè. Ad esempio la base del fonte battesimale per immersione sarà realizzato con un mosaico dalle tessere rosse a ricordare il mar rosso e il primo esodo dei migranti, il popolo di Israele, capitanato da Mosè. Nel tabernacolo realizzerò un bassorilievo con il roveto ardente di Mosè“.

Secondo il programma la chiesa verrà realizzata nell’arco di un anno, più tre mesi di progettazione. Il costo totale della realizzazione è di un milione e sessantamila euro che la Cei finanzierà per il 75%, il restante 25% saranno donazioni dei parrocchiani. “Un altro elemento che per me è importante – continua Palminteri – è il riutilizzo di tutti gli arredi sacri della vecchia chiesa, magari rivisitati, restaurati e ammodernati, ma rimarranno tutti. Quando la chiesa è stata demolita per i fedeli della zona è stato un trauma, mi piace l’idea di mantenere questo legame col passato, per farli sentire sempre a casa loro“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro