Nuova ciclovia, waterfront e parco naturale: 12 milioni per Siracusa :ilSicilia.it
Siracusa

TRE PROGETTI AMMESSI AL FINANZIAMENTO

Nuova ciclovia, waterfront e parco naturale: 12 milioni per Siracusa

di
2 Febbraio 2021

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Tre progetti per la valorizzazione e la fruizione sostenibile del patrimonio naturalistico e storico di Siracusa sono stati ammessi al finanziamento per un totale di quasi 12 milioni di euro.

Ben 8 milioni e 300 mila euro destinati a un progetto di ciclovia che parte dal recupero della pista ciclabile “Rossana Maiorca, la mette a sistema con le corsie ciclabili cittadine per spingersi fino ad Ortigia e da lì verso il tempio di Giove e capo Murro di Porco, zona balneare.

Il secondo intervento è l’attesa valorizzazione del waterfront del Porto piccolo, per una totale di 2,6 milioni; il terzo, per 900 mila euro, consisterà nella realizzazione di un parco naturalistico alla penisola Maddalena attraverso interventi di tutela e valorizzazione dell’ex feudo Santa Lucia.

LE PAROLE DEL SINDACO ITALIA E DELL’ASSESSORE FONTANA

francesco italia

La ciclovia e il parco della Maddalena – afferma il sindaco Francesco Italiasono progetti voluti dalla nostra amministrazione e sono fondamentali per la nostra visione della città e del suo sviluppo“.

L’idea di una lunga via ciclabile – aggiunge con entusiasmo il sindaco – che da Targia, intercettando alcune perle del Parco archeologico e Ortigia, sempre costeggiando il mare, si spinge fino alla Maddalena dove abbiamo già un’area marina protetta e avremo un parco naturalistico, credo che non abbia eguali“.

La valorizzazione dell’ambiente marino e la sua integrazione con il patrimonio storico e architettonico – conclude il sindaco Italia – sono punti fermi della nostra azione. Il mare è una risorsa unica per Siracusa e per questo continuiamo a batterci per la bonifica del Porto grande, per la smilitarizzazione della base dell’Aeronautica di via Elorina e guardiamo con interesse alle iniziative private come quella per il recupero dell’area ex Spero“.

Finanziata con il Piano di azione e coesione dal ministero delle Infrastrutture e progettata dal settore Mobilità e trasporti retto dall’assessore Maura Fontana, la ciclovia sarà un sistema integrato col trasporto via mare.

La ciclovia prevede la pavimentazione della pista “Rossana Maiorca”, impianti di illuminazione e aree di sosta attrezzate secondo temi naturalistici, dotate di punti ombra e servizi per i ciclisti.

Sfruttando le ciclabili cittadine, il tracciato arriverà al molo Zanagora dove partirà un collegamento marittimo fino a uno degli approdi di via Lido Sacramento e da lì si potrà poi andare in due direzioni: verso il tempio di Giove oppure verso capo Murro di Porco.

Questo progetto – afferma l’assessore Fontana – è parte del più ampio programma di mobilità dolce, e la bontà dell’idea, che a molti potrebbe sembrare visionaria, è dimostrata dal superamento della prima e più importante selezione per l’ammissione al finanziamento“.

La valorizzazione dei luoghi naturalistici – aggiunge – si sta dimostrando vincente in quanto consente al cittadino di riappropriarsi di spazi aperti. Contestualmente, rendere la mobilità dolce sempre più agevole e strutturata, modificherà le abitudini e faciliterà l‘inclusione di luoghi spesso inaccessibili ma di alto valore turistico, naturalistico e archeologico”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin