Nuova Giunta Orlando, i consiglieri: "Adesso bisogna pensare ai problemi irrisolti della città" :ilSicilia.it
Palermo

Le reazioni

Nuova Giunta Orlando, i consiglieri: “Adesso bisogna pensare ai problemi irrisolti della città”

di
2 Marzo 2019

E’ stata presentata la nuova Giunta comunale di Palermo dopo il rimpasto varato dal sindaco Leoluca Orlando.

Sandro TerraniDiverse le reazioni da parte del consiglio comunale, Sandro Terrani, capogruppo del Mov139 parlando del rilancio politico della città ha affermato: “Certamente un rilancio dell’attività Politica ed Amministrativa era necessaria ed indispensabile, ed oggi è partita con quasi l’azzeramento della Giunta comunale, sacrificando qualcuno che ha lavorato benissimo, ma la politica è in continua evoluzione e deve stare ai tempi“.

Adesso bisogna rilanciare anche le società partecipate, che sono il nucleo centrale dell’attività e che danno i servizi indispensabili alla vivibilità del Territorio, che ad oggi devo ammettere, che hanno molte criticità. Il Servizio di Igiene Ambientale, la differenziata non funziona assolutamente, le discariche aumentano vertiginosamente, dall’illuminazione pubblica che funziona a macchia di leopardo. Dunque, da oggi si va verso il 2022 per migliorare la vivibilità della città e renderla alla stregua delle città più virtuose del nord Italia” conclude Terrani.

igor-gelarda_elio-ficarra-01Il rimpasto messo in atto dal sindaco Orlando serve solo a prendere tempo, al di là di qualche nome di valore che potrà, magari, dare qualche contributo in più all’Amministrazione comunale” – a dirlo Igor Gelarda, capogruppo della Lega in consiglio comunale, ed Elio Ficarra, anch’egli rappresentante del Carroccio a Sala delle Lapidi.

In un momento di grossa difficoltà, probabilmente il peggiore periodo che Orlando abbia mai avuto in questi anni da primo cittadino di Palermo, l’unico modo per prendere tempo era quello di mischiare le carte” proseguono i due consiglieri.

Avere dato di nuovo l’incarico di assessore a chi ha fatto non pochi danni in passato come Giusto Catania – dicono gli esponenti della Lega – è l’evidente segnale che il sindaco sta cedendo al ricatto politico di Sinistra comune per evitare che vacilli la maggioranza. Inoltre è gravissimo – aggiungono Gelarda e Ficarra – il fatto che non sia stato nominato nessun assessore al Turismo: fa capire come in realtà le priorità del sindaco siano quelle di una gestione alla vecchia maniera, piuttosto che l’idea di dare uno sviluppo vero alla nostra città“.

Sulla scelta di Adham Darawsha come assessore alle Culture – concludono i consiglieri comunali della Lega – siamo disponibili a collaborare per far sì che i valori culturali e tradizionali di Palermo e dei palermitani vengano, anche attraverso il suo contributo, esaltati e valorizzati“.

fabrizio ferrandelliParole dure da parte di Fabrizio Ferrandelli, esponente di punta di +Europa in Sicilia che dice”Molto rumore per nulla, dopo questa ‘arriminata di pignata’, mi auguro che l’Amministrazione venga in consiglio per darci una mano a risolvere i tanti problemi e guasti di Palermo“.

Giulio CusumanoSicuramente vi è una Giunta ‘politica’ – afferma Giulio Cusumano, rappresentante dei Comitati civici – ma quello che conta è il risultato perchè dobbiamo pensare ai grandi problemi irrisolti di questa città. Saremo attenti osservatori, le scelte ci convincono, ma dobbiamo vedere concretamente anche la capacità di ascolto. Esprimiamo sorpresa e dispiacere per non avere più in Giunta un uomo che è stato un collante come Sergio Marino“.

Giulio Tantillo

La nascita della nuova Giunta ci lascia del tutto indifferenti – afferma Giulio Tantillo capogruppo di Forza Italia- Cambiare per innovare possiamo essere d’accordo ma alla città serve ben altro per poter risolvere i tanti problemi quotidiani , strade, illuminazione, immondizia, verde, scuole, trasporti, commercio, sicurezza, sviluppo economico, rilancio delle attività produttive, del Suap, dei lavori pubblici, la chiusura dell’anello ferroviario, il prg, le regole per la movida, il rilancio delle partecipate, i cimiteri e soprattutto creare un clima di tranquillità e serenità tra i dipendenti comunali che rappresentano il volano della città“.

I nuovi assessori – conclude Tantillo –  ai quali auguriamo buon lavoro, li giudicheremo tra qualche mese in sede di verifica del loro operato“.

 

LEGGI ANCHE:

Orlando rivoluziona la Giunta: ecco i nuovi assessori di Palermo | Video interviste

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.