Nuova Iside: dalla scatola nera della petroliera Vulcanello "quadro agghiacciante" :ilSicilia.it
Palermo

il giallo del peschereccio affondato lo scorso 12 maggio

Nuova Iside: dalla scatola nera della petroliera Vulcanello “quadro agghiacciante”

di
28 Agosto 2020

Una ricostruzione agghiacciante. Dalla scatola nera (Voyage Data Record – VDR) della “Vulcanello“, la petroliera che potrebbe essere coinvolta nella collisione con la Nuova Iside, l’imbarcazione della marineria di Terrasini, città costiera alle porte di Palermo – naufragata la sera del 12 maggio tra San Vito Lo Capo e Ustica – vengono fuori i momenti salienti di una possibile collisione.

Quella maledetta sera, a bordo del peschereccio c’erano Matteo Lo Iacono (deceduto), il figlio Vito (disperso) e il cugino Giuseppe (deceduto). Da quanto emerge dal VDR, sono da poco passate le 23 del 12 maggio, per l’esattezza alle 23.02’27”, quando si sente il primo “rumore netto”, così lo descrivono gli inquirenti che hanno minuziosamente ascoltato ogni solco della scatola nera impiantata nella petroliera e poi relazionato la Procura di Palermo, titolare dell’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Vincenzo Amico.

Alle 23.03′.04” un secondo rumore, che cresce di intensità; ed è più forte pochi secondi dopo, alle 23.03′.31”. Tutto si svolge in una manciata di secondi, poi il silenzio. Per gli inquirenti sono rumori “potenzialmente idonei ad essere prodotti dal contatto ripetuto di un oggetto di grandi dimensioni con l’opera morta della nave ‘Vulcanello'”.

Ma c’è dell’altro, “tali urti – come annotato dalla polizia giudiziaria – sembrano, infatti, provenire dapprima dalla zona prodiera (la parte anteriore della nave) per poi terminare nella zona poppiera (la plancia della nave è posta nella zona di poppa, dove ci sono i microfoni della scatola nera). In concomitanza, dai sistemi di bordo sono state accertate “una riduzione di velocità di circa 0,4 nodi rispetto a quella da crociera mantenuta dalla nave precedentemente e successivamente (da 12,3 a 11,9 nodi orari, e una variazione repentina dell’angolo del timone e anche della rotta (di 1 grado) compatibili con una potenziale collisione“.

“Dai documenti dell’indagine emerge un quadro indiziario agghiacciante – afferma Aldo Ruffino, legale della famiglia Lo Iacono – Chiediamo che venga fatta piena giustizia e che la Nuova Iside diventi il simbolo per una riorganizzazione che metta in primo piano la sicurezza di tutti i marittimi d’Italia, in un mare, ad oggi, senza regole”.

ULTERIORI INDAGINI

Sarà sottoposta a ulteriori rilievi tecnici la Vulcanello. La nave sarà trasferita nei prossimi giorni dal porto di Augusta, dove è ormeggiata, al cantiere navale Palumbo di Messina, dove sarà tirata in secco per l’ispezione tecnica che si svolgerà alle 9 del 3 e del 4 settembre.

A deciderlo è stato il giudice per le indagini preliminari, Piergiorgio Morosini, che ha accolto la richiesta di incidente probatorio richiesto dal pubblico ministero titolare dell’inchiesta, Vincenzo Amico (coordinatore il procuratore aggiunto Ennio Petrigni), dopo che l’inchiesta ha rivelato come lo stato dello scafo abbia subito notevoli modifiche, in particolare la sovra-pitturazione, “atte ad occultare elementi probatori”.

Il Gip ha inoltre nominato Sergio Barbagelata (consulente tecnico del Tribunale di Genova) il professionista che si dovrà occupare della perizia chimica che dovrà determinare se i “segni di strisciate visibili nelle riprese video degli inquirenti, riscontrati nello scafo della Vulcanello e occultati da uno strato di vernice sovrapposto, siano compatibili con l’impatto tra la petroliera e il peschereccio”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Naufragio Nuova Iside: la petroliera Vulcanello sarebbe stata riverniciata

Il giallo della “Nuova Iside”: sequestrata la petroliera Vulcanello, indagati due ufficiali | VIDEO

Caso ‘Nuova Iside’: altri due indagati per il peschereccio scomparso

Peschereccio scomparso, trovato il relitto della Nuova Iside

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.