15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31
Palermo

l'incontro a palermo

Legge urbanistica per la Sicilia: le proposte di associazioni e ordini professionali

13 Maggio 2019

Una legge urbanistica che segua gli obiettivi di rigenerazione urbana, ambientale, economica, sociale e culturale, contrasto al consumo di suolo e valorizzazione della qualità architettonica. Norme al passo con i tempi che consentano di avere anche in Sicilia una legge con contenuti innovativi, già in parte sperimentati in altre regioni d’Italia.

Per dare il loro contributo di studi e idee Ance Palermo, Anci (Associazione dei Comuni d’Italia), Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo, Legambiente Sicilia e Ordine degli Architetti della Provincia di Palermo, hanno unito per la prima volta competenze e risorse per consegnare a politici ed istituzioni le loro proposte per una nuova legge urbanistica per l’Isola.

Il documento è stato presentato e discusso nel corso del convegno “Rigenerazione urbana e nuova pianificazione. Contributi per la riforma dell’urbanistica in Sicilia”, organizzato a Palazzo Forcella De Seta, sede di Ance Palermo.

La legge urbanistica vigente in Sicilia (27 dicembre 1978, n. 71 – Norme integrative e modificative della legislazione vigente nel territorio della Regione Siciliana in materia urbanistica), lo scorso dicembre ha compiuto quarant’anni e recepisce il modello della legge nazionale che, di anni, ne ha compiuti settantacinque mentre, nello stesso arco temporale, le altre Regioni italiane hanno maturato e messo in atto esperienze di normativa urbanistica innovativa che facilita la rigenerazione urbana.

Per proporre un nuovo modello di legge urbanistica, Ance Palermo insieme con Anci, con il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo, con Legambiente Sicilia e con l’ Ordine degli Architetti della Provincia di Palermo, ha sottoscritto un accordo di collaborazione aperto anche ad altri soggetti che condividono gli obiettivi di rigenerazione urbana, ambientale, economica, sociale e culturale, contrasto al consumo di suolo e valorizzazione della qualità architettonica in Sicilia.

Secondo quanto stabilito nel documento, la nuova legge urbanistica regionale dovrà avere una gerarchia di pianificazione più snella di quella attuale, con procedure di approvazione semplificate e, sulla scia di quanto hanno fatto altre Regioni, dovrà incentivare gli interventi di rigenerazione urbana tramite la qualità architettonica.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.