Nuova ordinanza del Comune di Palermo: in estate arriva la Ztl a Sferracavallo :ilSicilia.it
Palermo

stop alle auto dall'1 giugno al 30 settembre

Nuova ordinanza del Comune di Palermo: in estate arriva la Ztl a Sferracavallo

12 Gennaio 2020

Mentre infiammano ancora le polemiche sulla ZTL notturna, rinviata a fine gennaio, la Giunta Orlando tira dritto per la sua sua linea e “sforna” un altro provvedimento: la ZTL in estate a Sferracavallo. Lo prevede un’ordinanza (QUI) firmata dal Capo area Mobilità, Sergio Maneri.

Lo stop alle auto nei mesi estivi nella borgata marinara prenderà il via il 1 giugno fino al 30 settembre.

Sferracavallo, rap, rifiutiIl perimetro sarà compreso tra piazza Marina, via Marina piazza Millunzi, cortile Giammanco e cortile Mansueto.

L’assessore alla Mobilità Giusto Catania e quello alle Attività produttive Leopoldo Piampiano quindi proseguono nella loro “visione”, tallonati dal sindaco Leoluca Orlando che vorrebbe una borgata con meno traffico e più vivibilità.

Il provvedimento, di fatto, annulla il precedente (dello scorso 19 luglio) che istituiva una ZTL annuale e non estiva per Sferracavallo. Insomma una mediazione, per cercare di non penalizzare troppo i commercianti.

 

LA MAPPA:

ztl sferracavallo

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Ztl notturna posticipata al 31 gennaio: nuovi orari in base alle stagioni

ZTL notturna a Palermo, la protesta di pub e ristoranti: “Prima parcheggi e navette” | VIDEO Interviste

ZTL, Confcommercio contro Orlando: “Vuole fare cassa sulla pelle dei cittadini”

Ztl notturna a Palermo, Assoimpresa: “Politica arrogante convinta di poter imporre tutto a tutti”

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.