Nuova spinta per l'agroalimentare siciliano, la Regione riconosce il Doses :ilSicilia.it
Ragusa

FATTURATO DA OLTRE 300 MILIONI DI EURO

Nuova spinta per l’agroalimentare siciliano, la Regione riconosce il Doses

di
14 Dicembre 2019

Il Distretto del Cibo del Sud-Est Siciliano, promosso dal DOSES – Distretto Orticolo Sud-Est Sicilia, e con sede a Vittoria (RG), è stato riconosciuto dalla Regione Siciliana.

I distretti del cibo sono uno strumento nuovo e aggregativo di promozione territoriale con alcuni obiettivi precisi: tutelare la sicurezza e la qualità alimentare, migliorare le produzioni orticole di qualità, ridurre gli sprechi alimentari e diminuire i rischi ambientali.

Si tratta di un aggregato strategico per lo sviluppo del settore agricolo ed agro-alimentare, che darà la possibilità di usufruire di finanziamenti nazionali e comunitari che permettano la realizzazione di progetti di valorizzazione del territorio.

Attorno al Distretto, i territori e le varie realtà produttive si sono organizzati per mettere a sistema le potenzialità e fare rete tra i diversi soggetti che operano nel settore agricolo, agroalimentare, turistico e culturale.

La regione siciliana ha riconosciuto sette distretti, in varie zone geografiche dell’isola. Il “Distretto del cibo del Sud Est siciliano” di Vittoria comprende 250 imprese delle province di Ragusa, Siracusa, Caltanissetta, Catania, Enna e Agrigento, ha un fatturato complessivo stimato in oltre 300.000.000 di euro.

“È il tempo di valorizzare le eccellenze siciliane e le oltre 250 imprese che hanno sposato il nostro progetto – commenta il responsabile di programma, Gianni Polizzi -. Il piano di sviluppo include le principali aziende delle province di Ragusa, Siracusa, Catania, Caltanissetta, Enna, Agrigento, nonché ingloba ben 12 filiere espressioni di eccellenze del settore orticolo, agrumicolo, della frutta fresca, delle piante officinali, olivicolo e oleario, vitivinicolo, delle carni, del lattiero caseario, ittico, biologico, cerealicola e mielicola“.

Si guarda al futuro ed alle prospettive che si aprono: “Con il riconoscimento del Distretto del Cibo – aggiunge Polizzi – si aprono nuove prospettive di crescita e siamo non solo di continuare a dare lustro al territorio del sud est siciliano, ma anche di portare risultati concreti al fine, finalmente, di rispondere alle esigenze delle imprese agroalimentari e della fascia trasformata sud orientale”.

“Orgogliosi di aver raggiunto questo ambizioso obiettivo, ringraziamo l’assessore Edy Bandiera e gli uffici del Dipartimento Agricoltura per la grande attenzione, celerità e disponibilità dimostrata nell’iter di riconoscimento”, chiosa il responsabile.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.