Nuova terapia intensiva al Policlinico di Palermo. Musumeci: "Sanità siciliana competitiva" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Potenziamento della rete ospedaliera

Nuova terapia intensiva al Policlinico di Palermo. Musumeci: “Sanità siciliana competitiva” | VIDEO

di
5 Agosto 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La rete ospedaliera territoriale si allarga: è stata presentata la nuova terapia intensiva del Polo dell’emergenza del Policlinico “Giaccone” di Palermo. Il reparto conta 17 posti letto e di 4 nuove sale operatorie all’interno del plesso sanitario e sono stati consegnati oggi dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, assieme all’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, e al commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera universitaria policlinico, Alessandro Caltagirone.

Per gli interventi sono state impiegate importanti risorse per un importo di circa 4 milioni di euro e sono stati realizzati in quattro mesi dalla Struttura commissariale per il potenziamento della rete ospedaliera siciliana coordinata dall’Ingegnere Tuccio D’Urso, quale soggetto attuatore del Piano.

Si tratta delle prime azioni di intervento ultimate, tra quelle programmate per dotare il Policlinico Giaccone, entro ottobre, di un nuovo e moderno pronto soccorso, rafforzando la presenza delle strutture di emergenza nella città di Palermo.

Oggi  – ha detto il presidente Musumeci – facciamo un altro passo avanti verso uno degli obiettivi che ci siamo dati all’inizio della pandemia: eliminare la carenza di posti di terapia intensiva ereditata dal passato. Ci stiamo riuscendo grazie all’istituzione della struttura commissariale, attraverso la quale ovunque in Sicilia abbiamo creato nuovi reparti. Adesso Roma deve invece aiutarci a trovare i medici rianimatori, che mancano in tutta Italia. Non sappiamo come si evolverà la pandemia – ha aggiunto il governatore – ma stiamo tenendo tutto sotto controllo, il sistema sino ad ora ha retto perfettamente e lavoriamo affinché decine e decine di cantieri possano migliorare l’offerta sanitaria e ospedaliera dell’Isola, per renderla competitiva con quella di altre regioni italiane”.

Da qui per il tutto il mese di agosto e di settembre avremo la possibilità di dare a tutti i cittadini siciliani un numero importante di infrastrutture che sono prossime alla consegna – ha detto l’assessore Razza –  Ci dà la certezza di poterci preparare in autunno con una maggiore serenità, anche rispetto alle crisi che la pandemia continua a determinare e alle esigenze dei posti letto che non mancheranno”. 

Sull’impiego delle risorse umane all’interno del nuovo reparto e dei blocchi operatori, l’esponente del governo Musumeci ha poi specificato che “Nella giornata di ieri il Policlinico ha pubblicato la graduatoria del concorso di bacino di anestesisti che conta 220 posizioni e il concorso per anestesisti a tempo indeterminato – aggiunge Ruggero Razza – è il più partecipato d’Italia e ci consente finalmente di recuperare una china che veniva da lontano”.

È una giornata importante per il Policlinico – ha sottolineato il Commissario Straordinario dell’Aoup, Alessandro Caltagirone – perché grazie all’apporto della Regione Siciliana dotiamo questo ospedale di una struttura avanguardia, come deve essere per una realtà universitaria che puntiamo a rilanciare sempre di più sul fronte delle prestazioni e della produzione chirurgica. L’Azienda, in parallelo, ha provveduto ad acquistare strumentazioni e arredi affinché il reparto potesse essere dotato di tutto il necessario. Questa rianimazione ci consente di disporre di strutture tecnologiche e personale specializzato in grado di venire incontro alle esigenze dei pazienti più complessi, garantendo anche la sicurezza degli operatori”.

Moderna e funzionale, progettata secondo i più alti standard di sicurezza, la nuova terapia intensiva è dotata anche di 4 postazioni per isolamento aereo e da contatto. In questo modo sarà possibile gestire in maniera avanzata pazienti con sepsi, shock settico o insufficienza respiratoria grave, tale da richiedere una terapia con Ecmo (Ossigenazione extracorporea a membrana). I 17 nuovi posti si aggiungono a quelli già presenti e ai 7 inaugurati a gennaio che hanno permesso di liberare altri spazi e gestire la fase più acuta di emergenza covid.

Nel polo di emergenza-urgenza, sullo stesso piano, è stato realizzato e completato anche il complesso operatorio, dotato di 4 nuove sale operatorie con annesse sale di preparazione e risveglio, e anche un reparto di degenza di 14 posti letto. Tale assetto logistico favorisce al meglio il percorso di assistenza del paziente che trova vicine e interconnesse l’area operatoria, la parte intensiva e le degenze.

Completate le fasi di collaudo, la nuova terapia intensiva sarà attiva dal mese di settembre quando prenderanno servizio anche i 16 anestesisti rianimatori selezionati con il concorso appena concluso. Una procedura che ha visto capofila l’Aoup Giaccone, impegnata nel reclutamento di dirigenti medici da destinare a tutte le rianimazioni siciliane. Numerosi quelli che hanno scelto di rientrare in Sicilia da altre regioni italiane; tra specialisti e medici in formazione i vincitori hanno in media tra 29 e 40 anni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin