Nuove misure anti Covid, chiudono musei e mostre. Limiti alla circolazione a tarda sera :ilSicilia.it

l'intervento alla Camera

Nuove misure anti Covid, chiudono musei e mostre. Limiti alla circolazione a tarda sera

di
2 Novembre 2020

Esiste la possibilità che 15 regioni superino la soglia di area critica per le terapie intensive nel prossimo mese“. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso delle sue comunicazioni sull’emergenza Covid nell’aula della Camera. illustrando le nuove misure anti Covid annunciate a Montecitorio.

Il premier ha annunciato un regime differenziato di misure basato sui diversi scenari regionali. “Il prossimo dpcm indivduerà tre aree e altrettanti scenari di rischio, per ciascuno dei quali sono previste misure via via più restrittive“, ha affermato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, spiegando che l’inserimento di una regione in un’area avverrà con ordinanza del ministro della Salute e “dipenderà dal coefficiente di rischio raggiunto”Regioni a rischio più elevato ulteriori misure restrittive graduandole per il coefficiente di rischio“.

Siamo costretti ad intervenire in un’ottica di prudenza” per attuare nuove misure e “per eseguire una strategia di contenimento del contagio“, ha detto Conte. “Questa strategia va modulata a seconda della situazione delle regioni. Per questo motivo adotteremo – ha spiegato – una decisione per interventi modulati sulla base di rischi elevati sul territorio sulla base di criteri scientifici. Introdurremo un regime differenziato basato su differenti scenari regionali“, ha affermato il premier.

Conte ha annunciato che “Per l’intero territorio nazionale intendiamo intervenire solo con alcune specifiche misure che contribuiscano a rafforzare il contenimento e la mitigazione del contagio. Chiudiamo nei giorni festivi e prefestivi i centri commerciali ad eccezione di negozi alimentari parafarmacie e farmacie ed edicole dentro i centri. Chiudiamo i corner per le scommesse e giochi ovunque siano, chiuderanno anche musei e mostre“. Il governo prevede limiti agli spostamenti da e verso regioni che presentano elevati livelli di rischio e limiti alla circolazione nella fascia più tarda, salvo comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. Per le scuole secondarie si prevede di passare integralmente alla didattica a distanza.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin