Nuove pedonalizzazioni a Palermo, è scontro tra il consiglio comunale e l'assessore Catania :ilSicilia.it
Palermo

Via Roma, via Maqueda, corso Vittorio Emanuele

Nuove pedonalizzazioni a Palermo, è scontro tra il consiglio comunale e l’assessore Catania

26 Luglio 2019

E’ scontro a Palazzo delle Aquile sulla questione pedonalizzazione delle strade centrali di Palermo, via Maqueda e corso Vittorio Emanuele.

Infatti, a seguito dell’atto di Giunta che pedonalizza via Maqueda e corso Vittorio Emanuele il presidente del consiglio Comunale, Salvatore Orlando ha risposto con una lettera che con la “deliberazione n.11/2015 il consiglio comunale ha approvato l’aggiornamento del piano di pedonalizzazione della città di Palermo, statuendo, tra l’altro, che qualsiasi provvedimento relativo ai tre assi viari via Roma, via Maqueda e corso Vittorio Emanuele doveva essere preventivamente approvato dal consiglio comunale.

Aggiungendo inoltre che le pedonalizzazioni previste dal PGTU dovranno essere preventivamente esaminate dalle commissioni competenti e che le ulteriori pedonalizzazioni e gli altri provvedimenti non previsti dal PGTU dovranno essere preventivamente approvate dal consiglio comunale“, conclude il presidente del consiglio comunale.

Giusto CataniaMa l’assessore Giusto Catania sembra intenzionato a procedere, non tenendo conto di quanto stabilito a Sala delle Lapidi e  infatti scrive, “Condividendo lo spirito e la lettera della sua nota –  afferma Catania – e consapevole dei necessari passaggi consiliari che, sia dal punto di vista  politico che procedimentale, qualificano gli atti di mera competenza dirigenziale, mi preme sottolineare che i nuovi provvedimenti che intervengono su tre assi principali del centro storico hanno esclusivamente un carattere sperimentale. Ritengo necessario ed opportuno, fatte le dovute valutazioni  sulla qualità della sperimentazione, che sia il consiglio comunale ad esprimersi, con un formale atto deliberativo che sarà preparato dagli uffici, sulla definizione degli scenari della mobilità del centro storico della città“, conclude Catania.

Giulio Tantillo

Sul tema è intervenuto il capogruppo di Forza Italia, Giulio Tantillo, “L’atto di Giunta che pedonalizza, seppur in fase sperimentale, via Maqueda e corso Vittorio Emanuele, appare come una sfida al consiglio Comunale che con ben due delibere del 2013 e 2015 ha dato un chiaro ed inequivocabile atto di indirizzo sulle future pedonalizzazioni decidendo che “ qualsiasi provvedimento relativo ai tre assi viari Roma – Maqueda – corso Vittorio Emanuele – deve essere approvato dal consiglio Comunale. E per dirla tutta anche dalle commissioni consiliari. Siamo quindi davanti una decisione in contrasto con le linee e le direttive dell’organo consiliare. L’assessore rispetti la volontà del consiglio, istituisca il doppio senso di marcia in via Roma in fase sperimentale per sei mesi e nel frattempo porti la delibera in consiglio con un ritardo di ben sei anni e il consiglio sovrano deciderà in tempi brevi nel rispetto dei diritti dei cittadini“, conclude Tantillo.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona