Nuove pedonalizzazioni a Palermo, è scontro tra il consiglio comunale e l'assessore Catania :ilSicilia.it
Palermo

Via Roma, via Maqueda, corso Vittorio Emanuele

Nuove pedonalizzazioni a Palermo, è scontro tra il consiglio comunale e l’assessore Catania

di
26 Luglio 2019

E’ scontro a Palazzo delle Aquile sulla questione pedonalizzazione delle strade centrali di Palermo, via Maqueda e corso Vittorio Emanuele.

Infatti, a seguito dell’atto di Giunta che pedonalizza via Maqueda e corso Vittorio Emanuele il presidente del consiglio Comunale, Salvatore Orlando ha risposto con una lettera che con la “deliberazione n.11/2015 il consiglio comunale ha approvato l’aggiornamento del piano di pedonalizzazione della città di Palermo, statuendo, tra l’altro, che qualsiasi provvedimento relativo ai tre assi viari via Roma, via Maqueda e corso Vittorio Emanuele doveva essere preventivamente approvato dal consiglio comunale.

Aggiungendo inoltre che le pedonalizzazioni previste dal PGTU dovranno essere preventivamente esaminate dalle commissioni competenti e che le ulteriori pedonalizzazioni e gli altri provvedimenti non previsti dal PGTU dovranno essere preventivamente approvate dal consiglio comunale“, conclude il presidente del consiglio comunale.

Giusto CataniaMa l’assessore Giusto Catania sembra intenzionato a procedere, non tenendo conto di quanto stabilito a Sala delle Lapidi e  infatti scrive, “Condividendo lo spirito e la lettera della sua nota –  afferma Catania – e consapevole dei necessari passaggi consiliari che, sia dal punto di vista  politico che procedimentale, qualificano gli atti di mera competenza dirigenziale, mi preme sottolineare che i nuovi provvedimenti che intervengono su tre assi principali del centro storico hanno esclusivamente un carattere sperimentale. Ritengo necessario ed opportuno, fatte le dovute valutazioni  sulla qualità della sperimentazione, che sia il consiglio comunale ad esprimersi, con un formale atto deliberativo che sarà preparato dagli uffici, sulla definizione degli scenari della mobilità del centro storico della città“, conclude Catania.

Giulio Tantillo

Sul tema è intervenuto il capogruppo di Forza Italia, Giulio Tantillo, “L’atto di Giunta che pedonalizza, seppur in fase sperimentale, via Maqueda e corso Vittorio Emanuele, appare come una sfida al consiglio Comunale che con ben due delibere del 2013 e 2015 ha dato un chiaro ed inequivocabile atto di indirizzo sulle future pedonalizzazioni decidendo che “ qualsiasi provvedimento relativo ai tre assi viari Roma – Maqueda – corso Vittorio Emanuele – deve essere approvato dal consiglio Comunale. E per dirla tutta anche dalle commissioni consiliari. Siamo quindi davanti una decisione in contrasto con le linee e le direttive dell’organo consiliare. L’assessore rispetti la volontà del consiglio, istituisca il doppio senso di marcia in via Roma in fase sperimentale per sei mesi e nel frattempo porti la delibera in consiglio con un ritardo di ben sei anni e il consiglio sovrano deciderà in tempi brevi nel rispetto dei diritti dei cittadini“, conclude Tantillo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin