16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.48
Catania

la più forte a 6 chilometri di profondità

Nuove scosse nella notte nel Catanese

30 Dicembre 2018

Continua a tremare la terra nel Catanese mentre proseguono i sopralluoghi e le verifiche di stabilità degli edifici nei Comuni colpiti dal sisma della notte tra Natale e Santo Stefano.

Gli strumenti dell’Ingv, l’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia, hanno registrato alle falde dell’Etna una decina di scosse, ma di bassa intensità.

Due le più forti, entrambe di magnitudo 2.9: la prima è avvenuta 36 minuti dopo la mezzanotte a circa 6 chilometri a nord-est di Adrano, ad una profondità di 6 chilometri; la seconda quasi 40 minuti dopo a circa 12 chilometri a nord di Ragalna, ad una profondità di 1 chilometro. Pare non si siano verificati ulteriori danni a persone o cose.

 

Leggi anche:

In caso di terremoto ecco cosa deve contenere il kit d’emergenza

L’eruzione dell’Etna vista dal satellite

Terremoto Catania, squarcio sull’autostrada A18 | FOTO

Terremoto, dieci nuove scosse sull’Etna. Altre famiglie evacuate

Aggiornamento terremoto nel Catanese: 30 i feriti, Vigili del fuoco in azione | VIDEO

 

 

Terremoto nella notte nel Catanese, crolli e feriti in alcuni paesi dell’Etna

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.