Nuove speranze per i lavoratori ex Keller di Carini. Approvata risoluzione all'Ars :ilSicilia.it
Palermo

Per accelerare i tempi i sindacati chiedono stralcio e approvazione del collegato alla finanziaria

Nuove speranze per i lavoratori ex Keller di Carini. Approvata risoluzione all’Ars

di
25 Luglio 2017
Rinnovare il contratto di servizio con Trenitalia, tenendo in considerazione le necessità dei lavoratori del comparto al fine di garantire loro “la possibilità di trovare occupazione nella costruzione e manutenzione delle ferrovie, del materiale rotabile e dei treni in Sicilia”. E’ questo il principale punto della risoluzione approvata stamani dalla Commissione lavoro dell’Assemblea regionale siciliana, in relazione alla difficile situazione che ormai da anni vivono i circa 200 lavoratori della ex Keller di Carini. Il documento, inoltre, impegna il governo regionale a verificare la possibilità di prorogare gli ammortizzatori sociali e a rilanciare il settore.

La vertenza si trascina ormai da anni, in particolare dalla fine del 2014 quando venne dichiarato il fallimento e di conseguenza la chiusura dell’azienda. Da quel momento i dipendenti sono stati messi in mobilità. Un paracadute che per un primo gruppo si è già chiuso a novembre del 2016, per un secondo si chiuderà a breve e che nel 2018 lo sarà anche per i dipendenti più anziani.

Nel frattempo però alcuni segnali positivi hanno fatto riaccendere le speranze. Si tratta dell’acquisizione dello stabilimento da parte della Omer, dell’imprenditore Pino Russello, e dell’insediamento, sempre a Carini, della Rfi che ha rilevato l’impianto dell’Ansaldo Breda. Due realtà produttive che con un incremento delle commesse potrebbero assorbire tutta la forza lavoro ex Keller. Rfi, nello specifico, attualmente dà occupazione a circa 60 persone, ma il suo piano industriale prevede a regime 150 unità.

Da qui la richiesta fatta al governo siciliano di stipulare con Trenitalia un contratto di servizio che potenzi i collegamenti ferroviari, in modo tale da stimolare gli investimenti e creare nuovi posti di lavoro, e nelle more prolungare gli ammortizzatori sociali. “Con l’approvazione di questa risoluzione, si aprono nuove speranze sia per i lavoratori ex Keller che per le 20 persone dell’indotto. Il nuovo insediamento di Rfi a Carini, fa supporre che ci siano le condizioni per pensare ad un polo ferroviario siciliano”, spiega l’onorevole Pino Apprendi (Pd) che da anni segue la vertenza.

“Stiamo tentando in qualsiasi modo di trovare una soluzione per salvaguardare i lavoratori, per fare ciò è necessaria la volontà politica dei governanti. Si tratta di un percorso tortuoso e per niente facile”, sostiene Silvio Vicari della Uilm.
Per il segretario della Fim Cisl di Palermo, Ludovico Guercio, “fondamentale è il rinnovo del contratto di servizio con un miglioramento delle condizioni rispetto a quelle precedenti. Se la Regione lo approva in questo modo potrebbe aumentare il lavoro e le aziende di Carini assumere i lavoratori ex Keller”.

Per accelerare i tempi le tre organizzazioni sindacali presenti – Fim, Fiom e Uilm – hanno chiesto lo stralcio e l’approvazione dell’art.19 dei collegati alla finanziaria, dove sono contenute le risorse da destinare al trasporto ferroviario.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin