Nuovi autobus a metano, Federazione dei Verdi Palermo: "Scelta anti economica e contro la salute e l'ambiente" :ilSicilia.it

A parlare Carmelo Sardegna e Filippo Occhipinti

Nuovi autobus a metano, Federazione dei Verdi Palermo: “Scelta anti economica e contro la salute e l’ambiente”

di
19 Gennaio 2019

Sono stati presentati venerdì 18 gennaio, i 38 nuovi autobus Urbanway Iveco a metano dell’Amat, in attesa di raggiungere il totale di 89 autovetture di questo tipo entro il mese di gennaio, a completamento di quattro lotti in consegna. Il costo dell’operazione è di circa 22 milioni di euro, finanziati per l’80% dal ministero dei Trasporti e il 20% con dall’azienda in house del Comune.

A questo proposito si è espressa la Federazione dei Verdi Palermo con una nota a firma di Carmelo Sardegna– portavoce regione Sicilia e Filippo Occhipinti– Coordinatore Città Palermo che affermano: “Ai cittadini si chiedono sacrifici economici, con strisce blu, si impongono pedaggi per la ZTL, in nome della lotta all’inquinamento e poi si continuano a comprare autobus con motori a combustione il cui costo di manutenzione e di gestione è enormemente maggiore di quelli elettrici che non inquinano“.

E dire che a parità di flotta il biglietto costerebbe non più della metà. Per non parlare di quello che succede nelle vicinanze dei capolinea dove l’inquinamento atmosferico ed acustico di autobus sempre accessi è altissimo“.

Milano con nuovi 250 autobus, Roma che prevede di sostituire entro 5 anni tutta la flotta con elettrici, la stessa Messina, Torino acquistano solo elettrici. E a Palermo? – aggiungono –  Solo un Consiglio Comunale di fantasmi non rivendica il suo diritto a determinare le scelte di una controllata, l’Amat, a cui, però, deve alla fine garantire i disastrati bilanci con le tasche dei palermitani“.

Chi pagherà queste scelte anti economiche e contro la salute e l’ambiente? Scelte che sono tardive e fuori da ogni programmazione energetica degna di questo nome. I cittadini naturalmente!“.

Valuteremo se denunciare questa ennesima sbagliata scelta alla Corte dei Conti per una eventuale applicazione dell’art.43 della legge n. 234 del 2012 per accertare la responsabilità in solido dei Consiglieri Comunali con Giunta e dirigenti. E ora che qualcuno cominci a pagare per queste scelte che affossano le partecipate e il futuro della città” concludono.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.