Nuovi turismi, agricoltura e sviluppo rurale: quasi 200 milioni alla Sicilia :ilSicilia.it
Palermo

dal "glamping" alla zipline, ecco le nuove attrazioni

Nuovi turismi, agricoltura e sviluppo rurale: quasi 200 milioni alla Sicilia

di
26 Settembre 2020

Le politiche dell’Unione Europea hanno previsto la diversificazione dell’economia rurale e l’affermarsi dell’agricoltura diversificata e multifunzionale passa attraverso la costruzione di nuovi mercati per i beni ed i servizi offerti dall’area rurale.

La variabilità e la ricchezza della Sicilia offre la possibilità di segmentare il prodotto e il territorio, secondo tipicità caratterizzanti riferite ad una risorsa principale e specifica, puntando a differenti target di domanda, oggi sempre più segmentata ed esigente, nell’ottica di una offerta integrata appetibile e concorrenziale.

Negli ultimi anni i bisogni da soddisfare nel tempo libero hanno subito un profondo mutamento, misurabile attraverso le maggiori velocità di crescita dei NUOVI TURISMI (ambientale, culturale, religioso, enogastronomico, avventuroso, faunistico, scolastico, congressuale, etc), all’elevato potenziale manifestato da ciascuno di essi  ed all’emergere di nuovi trend.

La pandemia legata al virus Covid19 sta attraversando l’intero pianeta senza badare a confini politici, economici o culturali. In questo contesto occorre analizzare bene le aspettative dei consumatori, per definire una strategia di marketing territoriale che risulti vincente rispetto ad altri. Occorre promuovere il territorio nella sua interezza con l’head ombrello  SICILIASICURA.

Un’anteprima dei nuovi turismi del verde è stata data a Travelexpo nel corso di un tavolo tecnico coordinato da Dario Cartabellotta, dirigente generale del Dipartimento Agricoltura e moderato dalla giornalista Licia Raimondi.

Non solo agriturismo. Oggi il turismo rurale è molto di più. È glamping, agricampeggio, fattoria didattica ma anche la nuovissima zipline inaugurata a fine agosto a San Mauro Castelverde.

Zipline Sicilia, San Mauro Castelverde
Foto Fb: Zipline Sicilia

C’è l’esperienza di Valentina Guccione della Bio Farm e della sua fattoria didattica in cui i bambini vivono per una settimana a contatto con la nautura ed entrano a contatto con la campagna e le tradizioni, o quella proposta da Eleonora Cammarata che con il suo Nuvolive fa provare la sensazione di camminare al buio tra gli olivi e dormire in una tenda lusso, che poi il “lusso è vivere la campagna”.

E ancora Francesca Paola Gioia che con il suo agricampeggio ha scommesso su un terririo comequello di Marianopoli, lontano dai grandi flussi ma che invece offre attrattori culturali,come il museo di Marianopoli, in cui sono custoditi reperti ellenistici, e il tolos di Minosse; attrattori naturalistici, con la presenza di boschi e delle grotte della Gurfa; e di archeoastronomia.

E poi la testimonianza di Daniela Di Garbo che nel suo agriturismo Bergi a Castelbuono continua a diversificare l’offerta proposta: e quindi non più solo agriturismo, ma anche offerta di camere, e poi piscina e fattoria didattica, mentre gli ospiti chiedono sempre di più un coinvolgimento con le attività dell’azienda rurale, a partire dai corsi di cucina.

Infine, la novità di fine estate 2020 è stato il lancio della zipline, la prima in Sicilia e la seconda nel Sud Italia, e che resterà aperta fino all’8 dicembre.

“Avevamo iniziato qualche anno fa lanciando l’esperienza di visitare le grotte di Tiberio – racconta Giovanni Nicolosi – poi abbiamo deciso di partecipare al bando del Comune di San Mauro per realizzare questo cavo di acciaio lungo 1,6 km che può raggiungere la velocità massima di 120 km/h. L’abbiamo definita un’esperienza adrenalinica-relax con la cornice del mare e da un lato le Madonie e dall’altro i Nebrodi. Due le modalità di fruizione: in due fino a 140 kg o da soli fino a 120 kg. Inoltre dall’anno prossimo attiveremo anche la modalità in seggiolino”. Prezzi dai 36 euro con possibilità di noleggiare la go-pro.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.