20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.34
Palermo

venerdì 25 gennaio

Nuovo appuntamento per la rassegna “Musiche senza confini” ai Cantieri Culturali della Zisa di Palermo

21 Gennaio 2019

Allo Spazio Cre.Zi. Plus dei Cantieri Culturali della Zisa di Palermo (via Paolo Gili 4) prosegue la rassegna“Musiche Senza Confini”, che organizzata dall’associazione Culturale Formedonda, è dedicata alle proposte musicali nazionali e internazionali che uniscono insieme suoni di ispirazione mediterranea, influenze di “altri” generi musicali e l’uso di tecnologie moderne.

Il prossimo appuntamento è venerdì 25 gennaio, alle ore 21, 30 con “Situazioni sonore duo” del compositore palermitano Enzo Rao, con la partecipazione di Giuseppe Viola.

Si tratta di un progetto musicale aperto ideato dallo stesso Enzo Rao (violino ed oud elettrificati, percussioni ed effetti sonori) che per l’occasione verrà eseguito insieme a Giuseppe Viola (clarinetto e sax soprano).

Situazioni sonore nasce nel 2000 e parte da una ricerca musicale, condotta dal compositore già in precedenza con il progetto “Shamal”, che agli inizi degli anni novanta ha unito insieme tradizioni musicali provenienti da paesi geograficamente e culturalmente lontani. In situazioni sonore gli stili musicali, infatti, si fondono: dalla tradizione balcanica si passa a quella siciliana, mediorientale e sudafricana.

Si tratta di un “progetto aperto”, perché è variabile nell’organico, può essere proposto in duo, trio, quartetto e per libera orchestra.

Per la rassegna Musiche Senza Confini verrà presentato in duo. Enzo Rao Camemi compositore palermitano, di formazione musicale eterogenea, dà vita a numerose esperienze musicali nell’ambito del genere musicale conosciuto come world music.

Ha fatto parte del gruppo Rakali e del quintetto folk-jazz di Claudio Lo Cascio, con i quali svolge tutt’oggi attività concertistica in Italia e in Europa. Nel 1988 dà vita al progetto musicale Shamal, creando un’idea musicale che mescola linguaggi della tradizione siciliana, nordafricana, balcanica e mediorientale con altre forme musicali contemporanee.

Shamal, pubblicato nel 1990 per l’etichetta romana Il Pontesonoro, con la partecipazione del sassofonista Gianni Gebbia, contiene il brano “In viaggio!” vincitore del concorso “Nuove musiche per O.R.I.O.N.E.” indetto dalla RAI. Con il percussionista americano Glen Velez, Enzo Rao pubblica il suo secondo lavoro discografico intitolato “Acqua di mare” (disco pubblicato dall’etichetta statunitense Music of the world con il nome “Ettna!”).

Nel 1993 l’etichetta tedesca CMP Records pubblica, il disco del percussionista Glen Velez dal titolo “Pan Eros” al quale prende parte lo stesso Enzo Rao. Nel 2000 da una ricerca sul colore dei suoni nasce Situazioni Sonore. Attualmente Enzo Rao, collabora al progetto Arenaria di Mario Crispi. Nel 2002 ha realizzato la colonna sonora del film “Il Buma” diretto da Giovanni Massa e le musiche per “Il Raggio dei Sogni” di Roberto Damiata, vincitore al Miami Beach Sicilian Festival 2010.

Il prossimo appuntamento con Musiche Senza Confini, sarà l’8 febbraio con “PA.WO.MU.RO” (Palermo World Music Roots) un viaggio nella world music palermitana sulle note dell’ensemble composto da Gianni Gebbia, Mario Crispi, Diego Spitaleri, Giuseppe Viola, Gabrio Bevilaqua e Carmelo Graceffa. 

Ingresso con consumazione dai 5 ai 10 euro.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.