Nuovo sovrintendente della Foss, la sfida dei nomi. I sindacati: "Da noi nessun veto" :ilSicilia.it
Palermo

La nota di SLC-CGL e UIL COM

Nuovo sovrintendente della Foss, la sfida dei nomi. I sindacati: “Da noi nessun veto”

di
1 Giugno 2019

La corsa per il ruolo di Sovrintendente dell’Orchestra sinfonica siciliana,  è allo sprint finale, ma i sindacati preferiscono evitare polemiche, affermando che l’unica discriminante è la qualità e il curriculum dei candidati, senza veti sui nomi.

E intanto, sempre per restare in tema di indiscrezioni, si fanno alcuni nomi su chi potrà essere il prescelto. Fra tutti, un nome che circola da tempo è quello di Ester Bonafede, che già in passato ha ricoperto per il ruolo di vertice al Teatro Politeama di Palermo: un curriculum di tutto rispetto il suo, visto che per sette anni è stata sovrintendente dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, acquisendo una grande esperienza nel settore.

In queste ore, però, un altro nome starebbe facendosi strada: secondo fonti vicine al centrosinistra, fra i papabili ci sarebbe Gandolfo Librizzi, già numero uno del conservatorio di Palermo, il quale potrebbe essere gradito sia al sindaco Leoluca Orlando che al coordinatore regionale del Pd Davide Faraone. Anzi, quest’ultimo lo potrebbe anche sponsorizzare, facendo leva sui buoni rapporti che intercorrono fra l’ex sottosegretario renziano e il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè. Dal canto suo, per Orlando la partita è più ampia, perchè sul tavolo c’è anche il rinnovo del sovrintendente del Teatro Massimo, su cui punta il primo cittadino di Palermo con il ruolo consolidato di Francesco Giambrone in pole position per la riconferma.

Intanto, si diceva, i sindacati si tirano fuori dalle polemiche: in una nota, Tommaso Giambianco e Davide Alfano, segretari aziendali di SLC-CGL e UIL COM, spiegano che «la notizia dell’imminente nomina riportata dalla stampa e il coinvolgimento dei “sindacati” su eventuali prese di posizione circa i candidati di punta, facendo emergere schieramenti che vanno a favore di qualcuno e a sfavore di qualcun altro, non avendo rilasciato alcuna intervista, le scriventi Organizzazioni Sindacali non comprendono come mai si continui ad utilizzare il termine “i sindacati della Foss“, quando sarebbe corretto riportare esclusivamente la posizione della sigla ».

 «Inoltre non è chiaro come mai alcuni dati riservati, come i nomi dei candidati al ruolo di Sovrintendente e i relativi curricula ricoperti da privacy, sono in possesso della stampa, riportando tra l’altro nomi, informazioni e dati non corrispondenti alla verità. Dati che neanche le Organizzazioni Sindacali posseggono». 

La posizione di SLC-CGL e UIL COM, prosegue la nota, «da tempo è chiara e inequivocabile: noi chiediamo che la scelta del Sovrintendente avvenga con procedure pubbliche chiare e trasparenti; che i candidati abbiano competenze sia artistiche che amministrative, data la complessità del ruolo e delle responsabilità. Non abbiamo mai espresso posizioni sui nomi, né contro né a favore di nessuno. Prendiamo le distanze da chiunque utilizzi il nome di SLC-CGL e UIL COM in modo strumentale».

«Siamo sicuri – concludono – che l’attuale CDA della FOSS, presieduto dall’Avv. Stefano Santoro saprà scegliere con serietà il nuovo Sovrintendente».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin