Nuovo virus dall'Oriente: l'epatite dei ratti è passata all'uomo :ilSicilia.it
Banner Bibo

La CNN lancia l'allarme

Nuovo virus dall’Oriente: l’epatite dei ratti è passata all’uomo

di
10 Maggio 2020

Un nuovo allarme sanitario sembrerebbe arrivare dall’Oriente. Si tratta dell’Epatite E (HEV), una malattia che colpisce i ratti, ma che ultimamente avrebbe fatto il salto nella specie umana. A lanciare il nuovo allarme è stata la CNN.

Il primo caso fu diagnosticato nel 2018, mentre l’ultimo sarebbe stato riscontrato pochi giorni fa. Tutti i pazienti si trovavano a Hong Kong, mentre un caso è stato osservato anche in Canada.

“L’epatite E dei ratti ora è entrato a far parte della lista di infezioni che può essere trasmessa agli uomini”, ha detto alla testata il dottor Siddharth Sridhar, un microbiologo che ha scoperto il salto di specie.

SINTOMI

L’Epatite E si manifesta con febbre e ingrossamento del fegato. Per l’Oms, si trasmette con l’acqua potabile contaminata da feci dei topi.

Al momento non si conosce il decorso della malattia, i tempi di incubazione e le modalità di trasmissione tra umani. L’unica cosa certa è che i topi di Hong Kong sono portatori del virus.

Adesso, mentre tutto il mondo è alle prese con la pandemia da Covid-19, le autorità sanitarie internazionali temono che la malattia possa diffondersi presto anche fuori da Hong Kong, visto il caso canadese.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin