Nuti all'attacco, la polemica corre sui social: "A Palermo il Cinquestelle non c'è" :ilSicilia.it
Palermo

Il deputato è al centro dell'inchiesta "firme false", "Forello non è il mio candidato"

Nuti all’attacco, la polemica corre sui social: “A Palermo il Cinquestelle non c’è”

di
13 Febbraio 2017

Da giorni è chiaro che le elezioni di Palermo si apprestano a  regalare  sorprese, polemiche e cotillon. Puntuale come una raccomandata arriva questa mattina la spaccatura a Cinquestelle. Siccome i grillini sono abituati a regolare le loro faccende sulle “piattaforme”, il racconto di Riccardo Nuti spunta dalla sua pagina Facebook.

forelloPer il deputato il giudizio è tranchant: “In questa tornata non c’è il M5s, inutile far finta di nulla e chiudere gli occhi”.  La polemica è balzata fuori all’improvviso durante un confronto “online” con alcuni attivisti.  La sintesi, però, è semplice:  il deputato 5 stelle, Riccardo Nuti, sospeso dal movimento per la vicenda delle firme false a Palermo, critica la scelta di candidare Ugo Forello a sindaco del capoluogo siciliano per il M5s.  A chi lo accusa di aprire la porta a un pericoloso gioco di correnti, Nuti replica a muso duro: “Nessuna corrente e nessun gioco“, argomenta rispondendo sul social media ad una grillina che sottolineava di essere “basita” dalle sue parole.

Ma possiamo mai appoggiare persone che il M5S ha attaccato in commissione antimafia nel 2014? Possiamo mai appoggiare la stessa persona che abbiamo denunciato alla procura con un esposto?”, si chiede Nuti, in riferimento al fatto che Forello, secondo la ricostruzione di alcuni dei grillini indagati, avrebbe “pilotato” le dichiarazioni di Claudia La Rocca, la consigliera regionale che per prima ha deciso di collaborare con i magistrati autoaccusandosi della ricopiatura delle firme. “Puoi credere in ciò che vuoi ma se uno si mette la maglietta M5s mica significa che lo è veramente”, afferma Nuti.

claudia-la-rocca-italia5stelle-702x336Il deputato nazionale è al centro del ciclone giudiziario del caso “firme false”. Secondo le ricostruzioni della Procura di Palermo sarebbe proprio Nuti il regista di quel pasticcio. L’origine della frattura tra Nuti e il candidato sindaco Ugo Forello è tutta lì, e non è roba da poco. Nuti è il primo firmatario dell’esposto, presentato alla Procura e all’Ordine degli avvocati di Palermo, con cui i grillini accusano proprio Ugo Forello (che di professione fa l’avvocato) di  avere “pilotato le dichiarazioni” della deputata ‘pentita’, Claudia La Rocca, nella foto.

Quell’esposto, oltre alla firma di Nuti, è siglato da Claudia Mannino e Giulia Di Vita, tutti indagati e sospesi, e dai colleghi Loredana Lupo e Chiara Di Benedetto, non indagate.  Il candidato sindaco dei Cinquestelle, per questo motivo è indagato dalla Procura di Palermo. In realtà i Pm avevano chiesto l’archiviazione. Ma il gip Lorenzo Matassa, dopo l’opposizione dei legali dei firmatari dell’esposto, ha fissato l’udienza al prossimo 8 marzo ed i quell’occasione  si capirà  che fine farà quell’inchiesta.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin