Obbligo di mascherina all'aperto a Taormina per evitare la zona rossa :ilSicilia.it
Messina

lo ha deciso il sindaco dal 4 dicembre

Obbligo di mascherina all’aperto a Taormina per evitare la zona rossa

di
29 Novembre 2021

A Taormina da sabato 4 dicembre 2021 entrerà in vigore l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. Lo ha deciso il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, per cercare di arginare l’incremento in atto dei contagi da Coronavirus in città. Tra il 19 e il 25 novembre scorso, infatti, a Taormina si sono registrati ben 31 nuovi casi di positività da Covid e 24 contagi hanno riguardato le scuole.

Per questo il primo cittadino ha deciso di far entrare in vigore un’ordinanza nel tentativo di evitare che Taormina finisca in zona rossa, un rischio tra l’altro concreto se questi numeri dovessero essere confermati anche da qui alle prossime settimane.

L’obbligo previsto dal sindaco Bolognari riguarderà i luoghi più affollati della città: Corso Umberto, via Teatro Greco, piazza Sant’Antonio, il percorso pedonale tra il parcheggio Porta Catania e piazza Sant’Antonio, piazza IX Aprile, piazza Vittorio Emanuele, via Di Giovanni, via Calapitrulli, via Giardinazzo, via Naumachie.

L’ordinanza resterà valida sino al 9 gennaio, per tutto il periodo delle festività e si concentrerà sulle aree dove si riscontra la maggiore concentrazione di persone per le strade del territorio di Taormina, sia residenti che visitatori, con particolare riferimento al centro storico della capitale del turismo siciliano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.