Ocean Viking autorizzata a sbarcare a Porto Empedocle: scattano le polemiche :ilSicilia.it
Agrigento

l'ok dal governo e la non comunicazione al sindaco

Ocean Viking autorizzata a sbarcare a Porto Empedocle: scattano le polemiche

di
5 Luglio 2020

Sollievo sulla Ocean Viking: la nave ha finalmente ricevuto istruzione di dirigersi a Porto Empedocle. I 180 sopravvissuti saranno sbarcati al porto domani”. Lo scrive in un tweet Sos Mediterranee.

La Ocean Viking ha richiesto alle autorità italiane e maltesi l’evacuazione medica immediata di 44 persone: sono in stato di disagio mentale acuto, minacciano atti autolesionistici e violenti, esprimono intenti suicidiari”, aveva twittato l‘Ong venerdì 3 luglio e, come sempre, è l’Italia che accoglie.

Negli ultimi giorni, l’UE ha taciuto. Non abbiamo visto alcuna iniziativa per riavviare l’accordo di Malta per il trasferimento delle persone soccorse. Non c’è stato alcun segno di solidarietà con gli Stati costieri“, ha ribadito oggi Sos Mediterranee.

L’assessore Razza aveva dichiarato stamattina che “la Regione ha fatto 180 tamponi sui migranti a largo di Pozzallo. E si è sostituita allo Stato. Non mi pare una cosa normale. Qualcuno a Roma però dovrebbe iniziare a chiedersi perché in Sicilia l’Usmaf non ha personale per adempiere ai suoi compiti istituzionali. E fare qualcosa Subito”.

Il senatore Grasso, intanto, ha chiesto di fare sbarcare i migranti senza aspettare l’esito dei tamponi.

A questa dichiarazione l’assessore alla Salute ha replicato affermando che il senatore “se ne frega dei siciliani, pur di apparire a difesa dei deboli. Peccato che la vera difesa a tutti i deboli viene da noi che abbiamo inviato, a bordo della Ocean Vicking, medici per visitare i migranti proteggendo così sia queste persone che i siciliani”.

Intanto l’imbarcazione sta puntando Porto Empedoclee attraccherà verso le 8. Il personale medico dell’Asp si sta preparando per i controlli di routine che avverranno a seguito dello sbarco. In seguito i migranti verranno trasferiti a bordo della nave da quarantena Moby Zara.

Il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina

Non ho ricevuto alcuna comunicazione ufficiale, ritengo che non si possa dare e togliere il pos a piacimento perché sembra una burla. Le regole o ci sono o non ci sono. Spero che ci sia una coerenza con le disposizioni normative, non capisco perché Porto Empedocle (Ag) sia l’unico porto sicuro di tutta Italia tanto da poter far scendere tutte le ong operati in zone Sar, prima, soprattutto, che sia stata acclarata la non positività al Covid delle persone trasportate“.

Tutto questo crea un gravissimo danno d’immagine alla nostra comunità, con forti ripercussioni economiche. Noi siamo a zero casi di Coronavirus, tuttavia siamo nell’occhio dell’attenzione internazionale, domani arriverà addirittura la tv nazionale tedesca – ha spiegato Carmina – come il paese dove stanno i migranti infetti. E’ una situazione penosa per una città che si stava riprendendo, che ha tutte le caratteristiche per poter aver un futuro turistico roseo. E’ una operazione di assoluta discriminazione nei nostri confronti rispetto a tutti gli altri porti d’Italia.

“Mi pare veramente poco adeguato e fortemente discriminatorio. Ufficialmente non so nulla – ribadisce Carmina – . Siccome sono un sindaco e una istituzione, riterrei che se qualcosa deve avvenire nella mia città mi debbano informare gli organi preposti, ossia la Prefettura o il ministero dell’Interno. Sanno perfettamente come rintracciarmi”.

Il sindaco di Pozzallo

Il modello Ragusa in materia di accoglienza dei migranti e di prevenzione epidemiologica è da esportare. Io sono pronto ad accogliere nel nostro hotspot i migranti in isolamento fiduciario cosi come è accaduto con quelli sbarcati dalla Mare Jonio, ma se qualcuno risultasse positivo andrebbe trasferito in una struttura adeguata“, dichiara Roberto Ammatuna.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.