Oggi si magnifica la Sicilia, dichiarazione d'amore per l'Isola fra le isole | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo

Continente Sicilia

Oggi si magnifica la Sicilia, dichiarazione d’amore per l’Isola fra le isole

di
4 Maggio 2018

La vostra Patti Holmes, scrivendo per IlSicilia.it, ha pensato di fare una spassionata e appassionata dichiarazione d’amore a una femmina che la rappresenta in toto. Questo vuol dire che, come Narciso, sia innamorata di se stessa? Può essere, direte voi e, invece no, siete stati tratti in inganno, perché la fortunata, al centro di questo elogio sperticato, è la Sicilia. Sì, avete capito bene, preparatevi a leggere una sviolinata che non potrebbe lasciare insensibile neanche Matteo Salvini. Scommettiamo?

La nostra Isola è culla di civiltà e crocevia di tantissimi popoli che l’hanno dominata e amata, lasciandole indelebili impronte nella lingua, nell’arte, che si respira ad ogni angolo, e in cucina. Idda non è solo mare, ma entroterra misterico; montagna divina, l’Etna; isola con isole, cariche di energia e magia palpabili; così luminosa da abbagliare e tanto oscura da far perdere i punti di riferimento; generosa e avara; amichevole e riservata; estroversa e intimista; luogo di ierofanie; di visibile e invisibile sovrapposti; di riti che affondano nella notte dei tempi, ma che resistono all’oggi pur di raccontarla e svelarla nella sua essenza.

Tanti le frecce nel suo arco che fecero perdutamente innamorare Goethe, Maupassant, André Gide, Truman Capote, per citarne solo alcuni. Come resistere, infatti, a Taormina, un tempo Babele dalle tante lingue, lussuriosa e simbolo di dandysmo; a Isolabella, cartolina abbagliante, che fu, forse, abitata da una misteriosa principessa identificata con Lady Florence Treveylan, dama della regina Vittoria; al bosco magico di Malabotta e ai megaliti dell’Argimusco, la Stonehenge siciliana, in cui ritroverete una montagna, riportata in foto,che di profilo sembra una donna con le mani giunte in preghiera, l’Orante: Cerere, la Madonna o la regina Eleonora d’Angiò? Alle Madonie, ricche di cittadine con palazzi “merlettati” e chiese bianche che appaiono, quasi dal nulla, sorprendendo il visitatore.

Al meraviglioso parco dei Monti Sicani, che offre boschi e corsi d’acqua, santuari, masserie e un Teatro, il Teatro Andromeda, tempio a cielo aperto, che si apre sul suggestivo entroterra siciliano, sorgendo, a Santo Stefano Quisquina, per opera di Lorenzo Reina,  scultore, filosofo, alchimista e pastore di belle anime; a Selinunte, Segesta e la Scala dei Turchi; a Noto, Marzamemi, Siracusa e Ragusa; ad Acireale, Acitrezza e Catania; a Trapani, San Vito lo Capo, Scopello e Castellammare del Golfo; a Palermo, Mondello, Sferracavallo e Sant’Elia; a Messina, Milazzo e Capo d’Orlando, con la meravigliosa Villa Piccolo di Calanovella, dimora dei fratelli Lucio, Casimiro e Agata Giovanna,  poeta, pittore e botanica di grande caratura; alle sue tante isole dal mare blu contrapposto, spesso, al nero della lava e al verde degli arbusti spontanei.

La Sicilia, a cui si è legati, come nei più riusciti matrimoni, nella buona e nella cattiva sorte, è terra da assaporare con ogni senso e in ogni senso: nutriente e arricchente; leggibile e spiazzante; ponte tra Oriente e Occidente; quadro di natura “palpitante”.

La vostra Patti Holmes, come avrete ben capito, la ama perdutamente. E voi?

 

Buona Sicilia a tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco