Ok dal Consiglio comunale alla riqualificazione del mercato palermitano di Ballarò | Foto :ilSicilia.it
Palermo

Il progetto prevede 30 stand chiusi

Ok dal Consiglio comunale alla riqualificazione del mercato palermitano di Ballarò | Foto

di
30 Aprile 2019

Guarda la fotogallery in alto

E’ stata approvata in consiglio comunale a Palermo la variante urbanistica per la riqualificazione del mercato storico di Ballarò.

L’istituto autonomo case popolari ha avuto in convenzione dal comune di Palermo cinque alloggi in via Chiappara al Carmine, mentre gli altri 15 erano già di proprietà dello IACP.

Quest’ultimo ha presentato alla Regione, all’assessorato alle Infrastrutture, un progetto per avere finanziata la riqualificazione di questi alloggi e in più ha previsto la realizzazione del mercato coperto di Ballarò in piazza Carmine che anticamente già c’era.

La delibera è arrivata in Consiglio comunale perchè la realizzazione di queste infrastrutture del mercato coperto ha necessità di avere approvata una variante urbanistica, quindi una variazione al piano regolatore.

La variante prevede la realizzazione di 30 stand chiusi, 4 bagni, una fontanella centrale, si tratta di un’infrastruttura che rispetta le norme di sicurezza e quelle igienico sanitarie.

Si tratta di una grande opportunità per la città – afferma Ottavio Zacco, presidente della commissione attività produttive – perchè oltre ad avere un mercato coperto si riqualifica una vasta area del territorio che oggi è fortemente degradata, a costo zero per la città. E’ chiaro che subito dopo questo è necessario approvare il regolamento dei mercati storici prevedendo sia le esigenze di questo mercato coperto, sia il rilancio e la valorizzazione degli altri mercati storici, prevedendo anche degli incentivi per le attività che in questi anni hanno cercato di mantenere la storicità dei mercati e che sono stati schiacciati dalla grande distribuzione“.

Si tratta di un risultato importante sia sotto in profilo storico e di riqualificazione, ma anche sotto il profilo economico, in quanto, attraverso la realizzazione di questo progetto si da la possibilità a quelle attività che in questi anni hanno cercato di resistere nonostante le grandi difficoltà che hanno avuto a causa della realizzazione incontrollata di centri commerciali. Palermo potrà adesso pensare di potere vivere in sicurezza uno dei mercati più belli e importanti della città” afferma Gianluca Inzerillo capogruppo di Sicilia Futura.

Certamente l’approvazione del progetto per la realizzazione delle  coperture nel mercato di Ballarò, è un passo importante verso la riqualificazione di una ampia aria del centro storico caratterizzata sempre dalle attività del mercato – afferma il capogruppo del Mov139 Sandro Terrani –  Tra l’altro il progetto è in sintonia con la monumentalità del sito, infatti verranno valorizzate le 2 chiese presenti nella piazza, liberandoli da elementi estranei e sottolineando con la pavimentazione un’area di rispetto. Insomma, un’inversione di tendenza rispetto alle apertura di nuovi centri commerciali, che ha provocato grandi crisi ai mercati storici, ma con la riorganizzazione funzionale degli spazi adibiti alla vendita, senza alcun dubbio costituisce un valore aggiunto ed attrattiva per migliore fruizione turistica del sito“.

Ovviamente è un segnale importante che viene dato alla città, ma si poteva fare di più e ci riferiamo al recupero sotto il profilo della storicità delle coperture, perchè bisogna sempre andare a tutelare quella che è la storia della nostra città, inoltre, andavano previsti quelli che sono i parcheggi fruibili ai cittadini. Per noi la cosa più importante è porre in essere in principio della legalità e non ultimo l’organizzazione di un mercato storico che è sempre stato un fiore all’occhiello della città di Palermo” affermano Francesco Scarpinato e Mimmo Russo di FdD.

Il progetto di ripristino delle coperture di piazza del Carmine, a Ballarò, approvato a Sala delle Lapidi e che sarà realizzato dall’Istituto autonomo case popolari con fondi Po-Fesr, cambierà in meglio il volto della piazza e dello storico mercato con stand puliti e ordinati e una adeguata illuminazione – afferma Toni Sala capogruppo di Palermo 2022 che aggiunge – E’ questa la strada giusta per salvare i mercati storici della nostra città, penalizzati dalla concorrenza della grande distribuzione ma amati dai turisti e che per questo vanno adeguatamente valorizzati. Il consiglio ha anche approvato un ordine del giorno che impegna l’amministrazione a realizzare un parcheggio pubblico e a garantire la dovuta trasparenza nell’assegnazione degli stand, dando priorità agli operatori storici. E’ però necessario svolgere rapidamente i lavori, così da non penalizzare gli esercenti che andranno comunque sostenuti nella fase dei cantieri“.

E’ stato approvato un importante atto deliberativo per la nostra città. Forza Italia ha redatto e sottoposto all’Aula un ordine del giorno che impegna l’Amministrazione a rivedere il look dei futuri stand rendendoli più armonici con il contesto, prevedendo un’ unica colorazione e numerazione. Inoltre, gli stessi verranno assegnati con regolamento salvaguardando gli storici operatori economi della zona” a dichiararlo il gruppo Forza Italia, Giulio Tantillo, Andrea Mineo, Roberta Cancilla e Francesco Ferrara.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.