26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

Le dichiarazioni di Matteo Cocchiara

Ok del governo nazionale alla norma sui precari negli enti locali, Asael: “Ora si passi al capitolo formazione”

19 Aprile 2019

Il disco verde del Consiglio dei ministri alla norma di ‘interpretazione autentica’ della Finanziaria regionale che consente ai Comuni di avviare le stabilizzazioni dei precari già in servizio rappresenta una buona notizia per i lavoratori e per i sindaci“, lo afferma il presidente dell’Asael, associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani, Matteo Cocchiara.

Il via libera da Roma sgombra il campo dai tanti dubbi interpretativi che avevano frenato le amministrazioni locali in procinto di avviare le stabilizzazioni – aggiunge Cocchiara -. Gli amministratori locali in tal modo potranno chiudere questo capitolo con tranquillità restituendo serenità a tanti lavoratori attraverso un percorso certo. Ne gioveranno gli stessi Comuni – prosegue il presidente dell’Asael – che avranno la possibilità di contare su un migliore supporto dagli uffici che ormai vedono nei precari un punto fondamentale per il loro funzionamento. La strada è lunga ma è stata avviata – conclude Cocchiara -, adesso ci si occupi del capitolo formazione affinché si possano utilizzare al meglio questi lavoratori“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.