Olimpiadi di Tokyo, gli auguri di Miccichè agli atleti siciliani :ilSicilia.it

ecco alcuni dei partecipanti

Olimpiadi di Tokyo, gli auguri di Miccichè agli atleti siciliani

di
19 Giugno 2021

Adesso è ufficiale. Nino Pizzolato da Salaparuta volerà a Tokyo per partecipare ai giochi olimpici grazie all’ultima impresa agli europei di Mosca di sollevamento pesi.

Nino Pizzolato confermandosi campione continentale nella categoria olimpica degli 81 chili, bissando il successo del 2019, ha staccato il pass per i giochi. Della pattuglia azzurra, proveniente dalla Sicilia, gareggeranno ai giochi almeno 15 atleti (già ufficializzati) ai quali se ne potrebbero aggiungere altri cinque nei prossimi giorni.

Tra i nomi dei siciliani vi sono il pesista Nino Pizzolato da Salaparuta e il ciclista Vincenzo Nibali da Messina. Tra i sei schermidori siciliani spicca l’acese Daniele Garozzo, fresco vincitore del titolo italiano.

Una squadra di siciliani – ha detto il Presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè – che sicuramente ci faranno gioire conquistando diverse medaglie. A loro faccio i complimenti per aver conquistato, con le loro performance, il diritto a partecipare alle olimpiadi con l’augurio di vederli sopra il podio mentre ascoltiamo l’inno italiano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin