17 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.33

Il sondaggio

Ologrammi, sondaggi e confronti a singhiozzo. L’expo dei candidati presidenti nella corsa per Palazzo d’Orleans

13 Ottobre 2017

Claudio Fava ha definito “degli ologrammi” gli altri candidati alla presidenza della Regione. Un modo per marcare  l’inafferrabilità di un confronto tra le parti, che, a turno, (anche oggi c’è un confronto previsto alla Camera di Commercio, ma non ci saranno tutti) tutti  vogliono e invocano, ma nessuno riesce a fare.

Da una parte le singole strategie di comunicazione, dall’altra le esigenze organizzative e pratiche di  battere un territorio che si articola in 9 province. Insomma se le mandano a dire a mezzo stampa. Tra precisazioni, incomprensioni e la solita vecchia solfa delle campagne elettorali che hanno sfiancato la resistenza di un pubblico siciliano che, quando non è distratto rispetto al problema, è disinterssato o peggio  ancora arrabbiato.

Non è un caso che nei sondaggi che vengono costantemente monitorati con attenzione, la risposta alla partecipazione al voto si annuncia bassissima.  Il 54% degli intervistati, ad esempio, nella rilevazione effettuata dall’Istituto Demopolis per il Giornale di Sicilia, ha dichiarato di non avere intenzione di recarsi al voto.

Se confermato, anche solo in parte, il dato premierebbe il voto strutturato rispetto a quello d’opinione, più apprezzabile possibilmente all’indirizzo degli aspiranti governatori, che non riferito a quello delle liste a supporto di ciascuno.

Non manca il dato di interesse sulle intenzioni di voto. In testa rimane al momento Nello Musumeci al 35%, due punti sopra Giancarlo Cancelleri. Dietro, staccato, Fabrizio Micari che sarebbe al 22%. Quarto posto per Claudio Fava con il 9%, infine La Rosa con l’1%. Il sondaggio è stato realizzato dal 10 al 12 ottobre, su un campione rappresentativo regionale di mille siciliani residenti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.