Oltre 600 palermitani partecipano al sondaggio di DiventeràBellissima: "Bocciati Ztl, tram e servizio rifiuti" :ilSicilia.it
Palermo

promossi pedonalizzazione e dehors

Oltre 600 palermitani partecipano al sondaggio di DiventeràBellissima: “Bocciati Ztl, tram e servizio rifiuti”

di
27 Novembre 2019

Bocciatura per Ztl, tram, servizi di raccolta rifiuti e trasporto pubblico. Sollecitati più parcheggi e un aumento dei controlli per garantire la sicurezza nelle ore notturne. Pareri in maggioranza positivi, invece, per le pedonalizzazioni e i dehors.

È il responso dell’iniziativa promossa dal Coordinamento cittadino di DiventeràBellissima (guidato da Eduardo De Filippis, Stefania Munafò e Giuseppe Amato) e dal movimento giovanile cittadino (coordinato da Jore Di Prima e Deborah Marino), che con un gazebo in via Magliocco ha raccolto tramite questionari in forma anonima i pareri di oltre 600 palermitani: 30% liberi professionisti, 30% dipendenti pubblici, 25% dipendenti privati e 15% disoccupati.

Dal coordinamento cittadino di DiventeràBellissima sottolineano: “Abbiamo dato voce ai palermitani, perché il nostro metodo è quello di scendere in piazza tra le gente, invece di lanciare critiche da dietro una scrivania. I risultati del sondaggio parlano da soli, manifestando l’insoddisfazione di molti sulla qualità dei servizi pubblici a Palermo. Consegneremo l’esito dei questionari all’Amministrazione comunale. L’auspicio è che ne tenga conto, perché su temi così importanti non si può continuare ad ignorare il parere dei cittadini”.

tram progetto definitivo conf stampaPiù in dettaglio, il 70% dei partecipanti al sondaggio sostiene che le limitazioni al traffico (Ztl, zone blu e precedentemente targhe alterne) hanno prodotto effetti positivi molto limitati, l’80% boccia la qualità del servizio di trasporto pubblico e oltre il 90% sostiene che il tram non abbia ridotto il traffico.

Chiesti a gran voce nuovi parcheggi, così come è auspicata pure la realizzazione della metropolitana.

Bocciato pure il servizio di pulizia nelle strade e solo il 31% dei partecipanti al questionario ha giudicato positivamente la qualità della raccolta differenziata dei rifiuti.

Ben il 94% reputa pericolosa Palermo nelle ore notturne e in molti sollecitano più controlli dei vigili urbani e il coinvolgimento di vigilantes privati e volontari.

Secondo il 57% degli intervistati le limitazioni del traffico e la pedonalizzazione di alcune arterie favoriscono il commercio. Promossa dal 71% la presenza dei dehors fuori dai locali, mentre l’88% sostiene che il Comune non ha aiutato i commercianti che sono in crisi a causa dei cantieri infiniti.

Sonora bocciatura per lo Sportello unico, l’Ufficio anagrafe e il Sito internet del Comune (parere negativo per oltre l’85%). Inoltre il 91% degli intervistati ha dichiarato insufficiente il decentramento amministrativo nelle circoscrizioni. Infine, il 78% di chi ha partecipato al sondaggio promosso da DiventeràBellissima ritiene indispensabile attivare partenariati tra pubblico e privato per la gestione degli impianti sportivi a Palermo.

 

 

LEGGI ANCHE:

Tram a Palermo, sì o no? Scatta l’ipotesi referendum popolare

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin