19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

Il 6 e il 13 aprile al teatro Carlo Magno

Omaggio ai pazzi della città: “Ciuscia Palermo” di Alessia Spatoliatore

3 Aprile 2019

Sabato 6 e 13 aprile alle 18:00 sul palcoscenico del Teatro Carlo Magno di Via Collegio di Santa Maria al Borgo 17, Palermo, sarà messo in scena “Ciuscia Palermo”, un omaggio ai tanti personaggi “strani”, agli squilibrati, al “Repertorio dei Pazzi” che popolano il capoluogo siciliano.

Lo spettacolo è scritto e diretto da Alessia Spatoliatore, con la partecipazione di Paolo Zarcone e sotto la direzione artistica del maestro Enzo Mancuso.

ciuscia palermoCiuscia Palermo è uno spettacolo tragicomico che fa riflettere, emozionare e divertire raccontando la realtà siciliana.

La protagonista  della storia è Giustina, una ragazza un po’ stramba, che vive in un tempo astratto fatto solo di ricordi, emarginata dalla società a causa della propria follia. Sul palcoscenico darà voce al suo al suo desiderio di rivalsa sulla vita, all’impossibilità di uscire dalla gabbia in cui si sente intrappolata, all’arroganza e alla presunzione della razza umana che la esclude.

Paolo Zarcone, foto di Vincenzo Ciminello

A Paolo Zarcone, cantastorie siciliano, che la affiancherà in scena, racconterà la sua passione per il canto ostacolata dal padre, parlerà della sua amata città, Palermo, che vede come un “porto aperto”, dei suoi abitanti e delle tante dominazioni.

Un incontro tra persone “normali” e i cosiddetti “pazzi” raccontato attraverso proverbi e modi di dire popolari, per tentare di spiegare il rapporto fra persone apparentemente distanti, l’impatto non sempre facile tra realtà diverse e i confini impalpabili tra questi due mondi.

Ironico, drammatico e a tratti surreale, Ciuscia Palermo vuole essere un omaggio ai tanti personaggi “strani”, agli squilibrati, al “Repertorio dei Pazzi” che popolano il capoluogo siciliano.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.