Omicidio a Palermo, interrogati sospettati: tutto nato da lite banale :ilSicilia.it
Palermo

la confessione

Omicidio a Palermo, interrogati sospettati: tutto nato da lite banale

di
3 Giugno 2021

Si sono svolti nel carcere Pagliarelli di Palermo gli interrogatori di garanzia dei tre fermati per l’omicidio di Emanuele Burgio, il giovane di 25 anni ucciso alla Vucciria la notte tra domenica e lunedì. Due degli arrestati: Giovanni Battista Romano, 29 anni, e Matteo Romano, 29 anni, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Chi ha reso un lungo interrogatorio è stato Domenico Romano 49 anni, padre di Giovanni Battista e fratello di Matteo. Sono tutti difesi dall’avvocato Vincenzo Giambruno.

Nel corso dell’interrogatorio Domenico ha ripercorso gli ultimi quindici giorni culminati con l’omicidio di Burgio. Tutto sarebbe nato quando la Mercedes bianca del giovane, transitando, ha urtato per caso il gomito di Giovanni Battista Romano. Il giovane avrebbe apostrofato l’automobilista con una espressione volgare. Alla guida c’era appunto Emanuele Burgio, un giovane che Domenico ha descritto ai magistrati come rissoso e pronto a passare alle mani. Burgio esperto di arti marziali, ha riferito Domenico, più volte avrebbe partecipato a risse.

Da quel giorno tra i Romano e la vittima ci sono stati diversi incontri finalizzati a ricomporre il dissidio. Fino a qualche giorni fa quando Giovanni Battista, durante l’ennesimo tentativo di fare pace, sarebbe stato prima preso a braccetto da Burgio e poi colpito al volto con una testata. Il giorno del delitto, secondo il racconto fatto da Domenico ai magistrati, Burgio li avrebbe provocati, insultati e minacciati arrivando a dire che avrebbe strappato la testa di Matteo per giocarci a pallone. Domenico ha raccontato che Emanuele ha iniziato a fare una sorta di rito preparatorio al combattimento per caricarsi. Matteo a quel punto avrebbe sparato per difendersi ed evitare di essere aggredito come successo in passato a Giovanni Battista. Il fermato ha smentito che ci sia stata premeditazione da parte dei Romano e che la notte del delitto si sarebbe dovuto tenere solo l’estremo tentativo di ricomporre la lite nata da un banale incidente. Il giudice adesso dovrà decidere se convalidare i fermi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin