Omicidio a Terrasini, giovane ucciso davanti a una discoteca :ilSicilia.it
Palermo

Coinvolto in una rissa

Omicidio a Terrasini, giovane ucciso davanti a una discoteca

di
24 Febbraio 2020

Tragica morte per un giovane di Cinisi, durante una serata alla discoteca Millennium di Terrasini.

La vittima è Paolo La Rosa, 21 anni e potrebbe essere rimasto coinvolto in una rissa verso le 4. Il giovane, infatti, è stato accoltellato all’addome e al collo con più fendenti. Inutile la corsa in ospedale, perché il giovane è deceduto in ambulanza prima dell’arrivo al nosocomio di Partinico.

Il 21enne, conosciuto da tutti anche nella vicina Terrasini, poiché figlio del titolare della pizzeria Grace, un noto ristorante fra Terrasini e Cinisi, dopo aver aiutato il padre al ristorante è uscito con amici per andare al Millenium. La rissa sarebbe cominciata verso le 3.30 a qualche decina di metri dalla discoteca che era già chiusa dalle 3, dicono i gestori.

I carabinieri della compagnia di Carini stanno indagando sull’omicidio e grazie anche alle telecamere poste all’esterno del locale, sembrerebbe che abbiano già ristretto il cerchio sui responsabili.

Bisogna fare giustizia il prima possibile – il sindaco di Terrasini Giosuè Maniaci ha commentato così la tragedia -. Io mi sento completamente affranto come padre, come cittadino, come rappresentante delle istituzioni. Non si può interrompere così violentemente la vita di un ragazzo, che avrebbe potuto essere figlio di ciascuno di noi, per motivi così futili”.

“Chiedo alle autorità competenti  –  conclude il primo cittadino – di intervenire nel modo più deciso e tempestivo possibile per assicurare alla giustizia i responsabili e ho assicurato fin da subito la nostra collaborazione e il nostro sostegno alle forze dell’ordine. E chiedo fin da subito alle comunità di Terrasini e Cinisi di stringersi calorosamente attorno al dolore della famiglia La Rosa. Ciao Paolo, il tuo sorriso sarà sempre con noi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.