Omicidio a Terrasini, giovane ucciso davanti a una discoteca :ilSicilia.it
Palermo

Coinvolto in una rissa

Omicidio a Terrasini, giovane ucciso davanti a una discoteca

24 Febbraio 2020

Tragica morte per un giovane di Cinisi, durante una serata alla discoteca Millennium di Terrasini.

La vittima è Paolo La Rosa, 21 anni e potrebbe essere rimasto coinvolto in una rissa verso le 4. Il giovane, infatti, è stato accoltellato all’addome e al collo con più fendenti. Inutile la corsa in ospedale, perché il giovane è deceduto in ambulanza prima dell’arrivo al nosocomio di Partinico.

Il 21enne, conosciuto da tutti anche nella vicina Terrasini, poiché figlio del titolare della pizzeria Grace, un noto ristorante fra Terrasini e Cinisi, dopo aver aiutato il padre al ristorante è uscito con amici per andare al Millenium. La rissa sarebbe cominciata verso le 3.30 a qualche decina di metri dalla discoteca che era già chiusa dalle 3, dicono i gestori.

I carabinieri della compagnia di Carini stanno indagando sull’omicidio e grazie anche alle telecamere poste all’esterno del locale, sembrerebbe che abbiano già ristretto il cerchio sui responsabili.

Bisogna fare giustizia il prima possibile – il sindaco di Terrasini Giosuè Maniaci ha commentato così la tragedia -. Io mi sento completamente affranto come padre, come cittadino, come rappresentante delle istituzioni. Non si può interrompere così violentemente la vita di un ragazzo, che avrebbe potuto essere figlio di ciascuno di noi, per motivi così futili”.

“Chiedo alle autorità competenti  –  conclude il primo cittadino – di intervenire nel modo più deciso e tempestivo possibile per assicurare alla giustizia i responsabili e ho assicurato fin da subito la nostra collaborazione e il nostro sostegno alle forze dell’ordine. E chiedo fin da subito alle comunità di Terrasini e Cinisi di stringersi calorosamente attorno al dolore della famiglia La Rosa. Ciao Paolo, il tuo sorriso sarà sempre con noi“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona