Omicidio Agostino, chiesta archiviazione per il Boss e "Faccia da Mostro". Pm: "nuove indagini" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Nessun colpevole per la morte dell'agente di polizia e della moglie

Omicidio Agostino, chiesta archiviazione per il Boss e “Faccia da Mostro”. Pm: “nuove indagini”

di
22 Novembre 2016

Non c’è ancora nessun colpevole per l’uccisione dell’agente di polizia Antonino Agostino e della moglie Ida Castelluccio ma sono in corso nuove indagini. La Procura di Palermo ha chiesto l’archiviazione del duplice omicidio. Agostino venne ucciso, insieme alla moglie Giovanna Ida Castelluccio (al quinto mese di gravidanza), la sera del 5 agosto del 1989 a Villagrazia di Carini. L’agguato è stato ricostruito nei vari processi: il commando giunge a bordo di una motocicletta, a pochi metri dal cancello dell’abitazione dei genitori di Agostino. I colpi sono esplosi a bruciapelo. Agostino morirà sul colpo davanti agli occhi del padre, dopo aver urlato alla moglie di scappare. Ida commetterà un errore: grida in faccia al killer: «Io ti conosco». Due pallottole al torace la fredderanno.

aiello-giovanni-ucciardonePer il delitto, rimasto finora senza responsabili, erano indagati i boss Gaetano Scotto, Antonino Madonia e l’ispettore di polizia, con un passato nei servizi segreti, Giovanni Aiello (in foto), soprannominato “faccia da mostro” per una profonda ferita che gli deturpa il viso. La richiesta di archiviazione è stata firmata dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi e dai pm Roberto Tartaglia, Francesco Del Bene e Nino Di Matteo. “L’attività di indagine svolta in esecuzione dell’ordinanza del gip – scrivono i pm nella nuova richiesta di archiviazione – non ha consentito di acquisire quegli auspicati riscontri individualizzanti in termini di certezza probatoria sufficiente a esercitare proficuamente l’azione penale e, successivamente, a resistere all’eventuale vaglio dibattimentale che si intendesse instaurare nei confronti dei tre indagati”. Nonostante la richiesta di archiviazione in ragione di dichiarazioni, quelle fornite da Aiello, non sufficienti a sostenere l’accusa in giudizio, sono pesanti i giudizi dei Pm sull’uomo. “Soggetto certamente in contatto qualificato con l’organizzazione mafiosa Cosa nostra – scrivono – (se non addirittura intraneo)”.

La Procura continua a indagare ed è pendente infatti un altro procedimento sul caso.

genitori AgostinoNon è bastato il riconoscimento da parte del padre di Agostino, Vincenzo, dello 007 che cercò suo figlio pochi giorni prima del delitto e che si ripresentò in casa per afferrare dei misteriosi documenti dopo che glielo avevano ammazzato con la nuora, incinta. “È lui Faccia da mostro. È lui che venne con un altro. Perquisirono l’armadio. Sequestrarono una busta e carte che non ho mai più rivisto…”, ha detto durante l’incidente probatorio che si è svolto a febbraio scorso. “Faccia da mostro”, come viene indicato Giovanni Aiello, sarebbe il funzionario dei servizi segreti in attività in Sicilia negli anni Ottanta. Con la Procura che aveva anche chiesto l’archiviazione per i boss, ma con il giudice per le indagini preliminari deciso a respingere l’istanza ordinando nuove indagini, compreso il confronto fra il padre dell’agente Agostino e Aiello, un tempo molto vicino al numero tre del Sisde Bruno Contrada. Adesso la richiesta di archiviazione con la parola che passa nuovamente al Gip (Giudice per le indagini preliminari).

(LS)

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin