Omicidio giudice Saetta e del figlio Stefano: il ricordo del sindaco di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Omicidio giudice Saetta e del figlio Stefano: il ricordo del sindaco di Palermo

di
25 Settembre 2021

“Antonino Saetta fu un giudice integerrimo, dalla schiena dritta che mai si è piegato alle logiche corruttive e mafiose in un tempo nel quale far rispettare la legge era considerato eversivo. Saetta fu il primo a condannare i Greco di Ciaculli, diede una svolta decisiva alla lotta a Cosa Nostra. Che spaventata dalla sua fermezza e incorruttibilità decise di ucciderlo per evitare che presiedesse il secondo grado del Maxiprocesso. Grazie anche alla tenacia e alla professionalità di Antonino Saetta la mafia oggi non è più forte e radicata com’era un tempo. Il suo sacrificio e quello del figlio Stefano non sono stati vani“.

Lo ha detto il sindaco Leoluca Orlando in occasione del 33mo anniversario del duplice omicidio del Presidente della prima sezione della Corte d’Appello di Palermo Antonino Saetta e del figlio Stefano.

Eri il mattina il sindaco ha partecipato nella sala bianca del Centro Sperimentale di Cinematografia ai Cantieri Culturali della Zisa alla proiezione del film “L’abbraccio” realizzato dal regista Davide Lorenzano. Un docu-film che, attraverso diverse testimonianze, racconta la storia del giudice Saetta e del figlio Stefano, uccisi da Cosa Nostra il 25 settembre 1988. Alla proiezione era presente anche l’onorevole Caterina Chinnici, figlia del giudice Rocco Chinnici.

“Il docu-film di Lorenzano – ha detto il sindaco – è poetico. Attraverso una narrazione dolce, leggera e per niente banale racconta un episodio di violenza inaudita che ha segnato la storia del nostro paese. Un’opera di grande impegno civile che stimola le coscienze e che mantiene viva la memoria del sacrificio del giudice Saetta e del figlio Stefano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin