Omicidio nel Palermitano: donna strangolata e data in pasto agli animali randagi :ilSicilia.it
Palermo

Continuano le indagini

Omicidio nel Palermitano: donna strangolata e data in pasto agli animali randagi

di
16 Aprile 2020

Omicidio nel palermitano. Tra le campagne Bagheria e Ciminna è stato ritrovato il corpo senza vita di Maria Angela Corona, 47 anni. La donna era scomparsa da due giorni da Bagheria.

A presentare la denuncia di scomparsa ieri, mercoledì 15 aprile, era stato il compagno della donna. Erano in corso le ricerche e questa mattina è stato trovato il cadavere in un dirupo nella strada provinciale 16 che collega Casteldaccia a Bagheria.

Nel luogo sono intervenuti i carabinieri, il medico legale e il pm di turno della procura di Termini Imerese.

Non è ancora chiaro come sia stata uccisa, anche se si ipotizza lo strangolamento, dato che la vittima avrebbe dei segni sul collo. Il corpo della donna è stato poi dilaniato dagli animali randagi.

I vigili del fuoco stanno recuperando i resti del cadavere e cercano con i droni oggetti appartenenti alla vittima. I carabinieri stanno sentendo il compagno e altri parenti della donna. Le indagini sono condotte dai militari del comando provinciale di Palermo e coordinati dal procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio e dal sostituto Daniele Di Maggio.

Da quanto emerge il compagno sarebbe estraneo all’omicidio e non conviveva con Angela Maria. Gli inquirenti stanno indagando in tutte le direzioni.

LE TESTIMONIANZE

In casa di Enrico Di Bono, il compagno della donna, da tre giorni non dormono. L’uomo dice di aver fatto di tutto per ritrovare Angela chiedendo aiuto anche agli amici dell’associazione sportiva dilettantistica Nuova Orchidea di cui fa parte.

“Ha saputo – raccontano alcuni suoi familiari – di una violenta lite che Angela avrebbe avuto con la nipote che accudisce il padre. Il litigio sarebbe avvenuto lunedì scorso giorno di Pasquetta. Pare che la nipote sia pure finita al pronto soccorso di Bagheria. Il compagno ha cercato di rintracciare la nipote una delle ultime persone che ha visto Angela. Ma lei non ha voluto incontrare Enrico”.

Questa mattina la svolta con il corpo di Angela Maria Corona trovato tra le sterpaglie di una zona in aperta campagna. La donna aveva un impiego saltuario. Si occupava di fare le pulizie in uno studio professionale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.