Omicidio Raciti, i legali di Speziale: "Sua salute incompatibile con il carcere" :ilSicilia.it

Era stato condannato per l'omicidio dell'ispettore capo della polizia Filippo Raciti

Omicidio Raciti, i legali di Speziale: “Sua salute incompatibile con il carcere”

di
14 Ottobre 2020

Il presidente del Tribunale di Sorveglianza di Messina, Nicola Mazzamuto, a conclusione dell’udienza odierna, si è riservata la decisione sull’istanza di detenzione domiciliare presenta dall’avvocato Giuseppe Lipera nell’interesse di Antonino Speziale, detenuto nel carcere della Città dello Stretto.

Il Pg Felice Lima si è opposto. Il difensore ha depositato una perizia medica che sottolinea la necessità di fornire a Speziale “un dispositivo C-Pap che impedisce il collasso delle vie aeree durante il sonno” e di essere sottoposto a un “intervento bariatrico” e che attesta “l’incompatibilità della detezione con il suo stato di salute”.

Antonino Speziale sta espiando dal 14 novembre 2012 otto anni di reclusione e il fine pena, per questa sentenza, è previsto per il 15 dicembre di quest’anno.

E’ stato condannato per l’omicidio preterintenzionale dell’ispettore capo della polizia Filippo Raciti, morto il 2 febbraio 2007 negli scontri tra forze dell’ordine e ultras rossazzurri durante il derby di calcio Catania-Palermo allo stadio Massimino.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.