Omofobia e mafia: a Palermo lo Stato è ancora assente :ilSicilia.it

Omofobia e mafia: a Palermo lo Stato è ancora assente

di
2 Giugno 2021

Due episodi che sembrano totalmente scollegati a Palermo.

Da un lato l’attacco ingiustificato e totalmente gratuito di una banda di ragazzini, maschi e femmine, ad una coppia di turisti gay che si scambiavano effusioni in pubblico, dall’altro l’omicidio alla Vucciria di un giovane boss emergente.
Sembrano due episodi scollegati, uno di degrado di comunità che ancora non riescono a vivere il loro tempo e dall’altra parte invece un episodio di mafia che rispecchia le regole che forse avevamo dimenticato.

Pietro Busetta

Ma vi é un substrato comune in quello che è accaduto. Ed è la difficoltà dello Stato ad avere il controllo del territorio.
Come può accadere che in piena Rambla palermitana alcuni ragazzini possano permettersi di picchiare due giovani turisti senza che ci sia un elemento della forza dell’ordine, anche in borghese, o perlomeno la paura che ci possa essere.

Evidentemente tali bande di ragazzini sanno di poter agire indisturbati e che la presenza dello Stato non è qualcosa che devono temere
Fosse accaduto in una periferia buia ancora ancora avremmo potuto dire che si trattava di criminalità comune e che tale episodio poteva accadere in qualunque parte del Paese.

Ma se tutto ciò accade al centro della città allora qualche preoccupazione in più dobbiamo averla. Dall’altro lato cosa sta accadendo se le cosche mafiose possono avere la protervia di sparare di nuovo in una città che hai già pagato un prezzo altissimo per la presenza della criminalità organizzata e della mafia. Si ritorna al solito problema: quello delle risorse e dell’investimento che lo Stato deve fare nelle sue realtà più difficili e periferiche.

Palermo chiama lo Stato ma lo Stato non risponde. E paga un prezzo altissimo per un’assenza che si protrae da anni e nella quale il prezzo più alto lo pagano i servitori che, malgrado la presenza a fasi alterne dello Stato centrale, impegnano le proprie forze per combattere un fenomeno che non possiamo più tollerare che esista ancora.

Vi sono i servizi segreti, vi sono modi di infiltrarsi nelle cosche, vi sono strumenti elettronici d’avanguardia che permettono di controllare il territorio in modo preciso e che possono conoscere di ciascuno di noi tutti i movimenti.

Bene che si investa pesantemente perché non è più consentito a nessuno un’assenza colpevole, dannosa per il vivere civile, esiziale per l’economia di una città e di una Regione che tenta di rinascere.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin