Mediterranea, Malta offre di trasferire i migranti a bordo di una loro nave | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il capo missione dell'imbarcazione è un deputato di "Sinistra italiana"

Mediterranea, Malta offre di trasferire i migranti a bordo di una loro nave

5 Luglio 2019

A seguito di contatti tra i governi maltese e italiano, è stato deciso che Malta trasferirà 55 migranti, che sono stati salvati in mare al largo della Tunisia e che sono a bordo della nave Alex, a bordo di una nave delle forze armate di Malta e saranno accolti a Malta“, L’annuncio del governo maltese in un comunicato relativo alla nave dell’ong italiana Mediterranea.

Mentre La Valletta accoglierà i 54 naufraghi soccorsi dalla nave Alex dell’ong Mediterranea, andandoli a prendere con una propria nave militare, “d’altra parte, l’Italia prenderà 55 migranti da Malta“.

Lo annuncia in un comunicato il governo maltese precisando che “questo accordo non pregiudica la situazione in cui questa operazione ha avuto luogo e in cui Malta non ha alcuna responsabilità legale, ma fa parte di un’iniziativa che promuove uno spirito europeo di cooperazione e buona volontà tra Malta e l’Italia“.

Intanto, si apprende che il capo missione della Ong Mediterranea “Alex” è Erasmo Palazzotto, deputato nazionale di Sinistra Italiana. E come volevasi dimostrare, dall’imbarcazione arriva un rifiuto di dirigersi in direzione Malta: “Sono solo le 10 ma il sole è a picco, stiamo cercando di fare ombra ai naufraghi. Sono soprattutto le donne a stare male nonostante le cure della dottoressa. Impossibile navigare fino a Malta in queste condizioni”, scrive su twitter Mediterranea Saving Humans dopo la disponibilità di Malta ad accogliere i 54 migranti a bordo della nave Alex.

LEGGI ANCHE:

Ong Mediterranea verso Lampedusa con 54 migranti, Salvini: “Vadano in Tunisia”

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.