"Opera tua" di Coop fa tappa a Milazzo e Ragusa :ilSicilia.it
Ragusa

parte il restauro di due beni

“Opera tua” di Coop fa tappa a Milazzo e Ragusa

di
3 Luglio 2020

Coop Alleanza 3.0 porta nei suoi 400 negozi il progetto che valorizza cultura e territori proponendo il restauro di capolavori da salvare. I consumatori potranno sostenere l’iniziativa acquistando i prodotti della linea d’eccellenza Fior fiore Coop nell’ambito di “1 per tutti 4 per te”.

Saranno due capolavori locali siciliani i protagonisti della quinta tappa, dedicata alle Sicilia, di “Opera tua” il progetto che sposa il sostegno alla cultura, attraverso la valorizzazione e il recupero di capolavori locali, con l’eccellenza dei prodotti enogastronomici della linea Fior fiore Coop nell’ambito di “1 per tutti 4 per te”, la nuova iniziativa solidale di Coop Alleanza 3.0.

Infatti, con “1 per tutti 4 per te” l’1% del valore degli acquisti di soci e consumatori di prodotti della gamma di eccellenza Fior fiore andrà a sostenere anche l’edizione 2020 di “Opera tua”.

Fino al 31 luglio i soci e consumatori potranno scegliere quale opera restaurare tra le tarsie marmoree site all’interno della chiesa rupestre di Sant’Antonio da Padova a Capo Milazzo, e il mosaico bizantino all’interno del Museo archeologico Ibleo, a Ragusa.

Le opere da votare nella tappa siciliana

Le tarsie marmoree della Chiesa rupestre di Sant’Antonio da Padova a Capo Milazzo (Me) sono motivi decorativi in marmo risalenti al XVII secolo, opera di maestranze siciliane. Sono inoltre una preziosa testimonianza della tecnica dei marmi mischi, che ebbe un ruolo di primissimo piano nelle vicende artistiche del barocco siciliano. L’arco trionfale anteposto all’altare maggiore presenta motivi a girali fitomorfi e conchiglie, mentre sulle paraste si appezzano in particolare vasi con fiori collocati dentro strutture architettoniche che creano un mirabile effetto illusionistico. La chiesetta ha un particolare valore devozionale per la città di Milazzo: sorgerebbe, infatti, nel punto di primo approdo del Santo miracolosamente scampato ad una bufera. È meta di un affollatissimo pellegrinaggio il 13 giugno.

Il mosaico bizantino coinvolto nella tappa e conservato al Museo Archeologico Ibleo di Ragusa è il pavimento della chiesa bizantina di Pirrera (Santa Croce Camerina) risalente al V sec. d.C. Il tappeto musivo policromo figurato è incorniciato da una serie continua e contrapposta di fiori di loto aperti e da quattro fiori di loto chiusi ai quattro lati. Diciannove sono i quadrati superstiti in cui sono raffigurati vari volatili (trampolieri, galli, pernici, anatre, colombi e altri) uguali su ogni fila e rivolti verso il centro e una volta a destra e una volta a sinistra. I volatili sono resi su fondo bianco senza notazioni paesaggistiche con colori brillanti e sono altresì raffigurati in varie posizioni: nell’atto di abbassare la testa all’indietro; o mentre sollevano una delle zampe.

“Opera tua” 2020

Si terranno fino a novembre le tappe di “Opera tua” che toccheranno altrettante regioni in cui è presente la Cooperativa: ogni mese, due gioielli artistici della stessa zona vengono proposti a soci e clienti che, con il loro voto, determinano a quale opera destinare i fondi per il recupero (sotto l’elenco delle tappe e delle opere proposte per il 2020).

Per votare l’opera da restaurare basta collegarsi al sito di Coop Alleanza 3.0 (www.coopalleanza3-0.it) navigare nella sezione dedicata al progetto accessibile anche dalla short url all.coop/operatua. L’andamento dei voti sarà visibile sul sito e l’opera vincitrice verrà resa nota alla fine di ogni tappa. Online sarà possibile seguire il restauro, con informazioni sui tempi e l’avanzamento.

Le opere da restaurare sono state scelte con Fondaco Italia, società attiva nella valorizzazione dei beni culturali (www.fondacoitalia.it), in collaborazione con l’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco (www.patrimoniomondiale.it) e le istituzioni territoriali.

Anche quest’anno, “Opera tua” può contare anche sul patrocinio del Touring Club Italiano, associazione non profit (www.touringclub.it), che si occupa da oltre cent’anni di turismo, cultura e ambiente.

Una peculiarità del progetto è proprio il legame con il territorio, con l’individuazione di opere espressione della cultura delle diverse aree e realizzate da artisti legati alle varie regioni. Una galleria di capolavori che sintetizzano la multiforme produzione artistica italiana nei secoli: dal dipinto di personaggi illustri, all’arte religiosa, alle rappresentazioni statuarie.

Per Coop Alleanza 3.0 la cultura rappresenta un veicolo essenziale di coesione sociale; per questo la Cooperativa si impegna inoltre a riservare ai propri soci, tramite accordi di convenzione, importanti vantaggi sugli ingressi ai principali musei, teatri, cinema e altri luoghi di cultura.

Cosa è “1 per tutti 4 per te”

Con l’iniziativa “1 per tutti 4 per te” l’1% del valore degli acquisti dei prodotti Coop, permette a soci e consumatori di sostenere iniziative sociali, culturali, ambientali. Infatti, ad ogni linea del prodotto Coop (in calce al comunicato l’elenco completo delle gamme di prodotti e alcuni esempi di attività) è stato associato un ambito di intervento: si va dal sostegno all’ambiente a quello per la cultura e lo sviluppo del territorio, dall’educazione al consumo consapevole alla cura degli animali, dall’attenzione alle nuove generazioni alla solidarietà locale e internazionale. All’azione collettiva partecipano tutti coloro che fanno la spesa alla Coop.

I risultati di “Opera tua” nelle tre 23 capolavori restaurati

Grazie alle tre edizioni precedenti di “Opera tua”, Coop Alleanza 3.0 ha restaurato 23 capolavori artistici.

Con “Opera Tua” 2019 sono già state restaurate le seguenti opere:

Pesaro – Palazzo Toschi – Musei Civici– “Madonna col bambino, Sant’Andrea e teoria di puttini angeli” – olio su tela;

Palermo – Museo internazionale delle marionette – “Pupo palermitano armato” – marionetta;

Bologna – Palazzo D’Accursio, Collezioni Comunali d’Arte – “San Francesco riceve le stimmate” – dipinto.

Con “Opera Tua” 2018 sono già state restaurate le seguenti opere:

Andria – Chiesa S. Nicola di Myra – “S. Nicola con Adeodato e i tre fanciulli” – olio su tela;

Catania – Museo Castello di Ursino – “Ritratto di Gentiluomo” – olio su tavola;

Cesena – Biblioteca Malatestiana – “Codice malatestiano”;

Trieste – Museo Winckelmann – “Sarcofago di Khonsu-Pa-Amon”.

Urbino – Monumento a Raffaello Sanzio

Matera – Chiesa di Santa Lucia alle Malve – “Statua di Santa Lucia”

Modena – Duomo –

Venezia – Basilica di San Marco – battistero statua della Pietà

Con “Opera Tua” 2017 sono state restaurate tutte le sette opere votate dai soci:

Matera – Cattedrale – “S. Anna e Maria con bambino” – olio su tela;

Ortona (Ch) – Palazzo Farnese – “I fiori di cardo” – olio su tela;

Ancona – Pinacoteca Podesti – “Il giuramento degli anconetani” – olio su tela;

Padova – “Museo degli Eremitani” – “Sacra famiglia con Sant’Orsola” – olio su tela;

Palermo – “La fontana de Genio di Palermo“ – Piazza della Rivoluzione;

Copertino (Le) – Castello di Copertino – “Cristo ligneo del XVII secolo”;

Aquileia (Ud) – Museo Archeologico Nazionale – “ Mosaico a nido d’ape”.

Il calendario delle tappe di “Opera tua” 2020:

Puglia: Bari e Brindisi

1-31 agosto

“L’annunciazione dell’amore” complesso statuario (Pinacoteca metropolitana Corrado Giaquinto, Bari)

“Capitello medievale” capitello (Museo provinciale F. Ribezzo, Brindisi)

Lombardia: Mantova e Mantova

1-30 settembre “

Tessuti”, tendaggi (Complesso Museale di Palazzo Ducale, Mantova)

“Coppia di angeli reggicartiglio”, statue (Complesso Museale di Palazzo Ducale, Mantova)

Veneto: Vicenza vs Feltre (Bl)

1-31 ottobre

“Adorazione dei Magi”, dipinto (Palazzo Chiericati, Vicenza)

“Crepuscolo”, dipinto (Museo Civico, Feltre)

Marche: Senigallia (An) vs Macerata

1-30 novembre

“Camerino della Vittoria” decorazione soffitto (Palazzetto Baviera, Senigallia)

“La Vergine che dono il velo a Santa Maria dei Pazzi” dipinto (Chiesa di Santa Maria delle Vergini, attuale collocazione: Musei civici di Palazzo Buonaccorsi, Macerata)

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.